Rifiuti, tre mesi di proroga a Caltambiente. Procedura negoziata per il servizio di un anno

1023

Servizio rifiuti, arriva la proroga tecnica di tre mesi alla ditta Caltambiente. Al costo di 550 mila euro al mese per i prossimi tre mesi, a partire dal 30 settembre, Caltambiente continuerà a gestire il servizio rifiuti a Caltanissetta, in attesa che l’Ufficio tecnico bandisca la gara di un anno, considerata uno stralcio funzionale del Piano Aro, ambito di raccolta ottimale, che affiderà il servizio per sette anni. Ma per approvare il bando di un anno sarà necessario un passaggio in consiglio comunale, che ha ricevuto la delibera di giunta ma non ha ancora calendarizzato la discussione. E proprio con la preoccupazione sulla tempistica, supportato dal parere legale dell’avvocato Andrea Scuderi, l’ordinanza contingibile e urgente del sindaco Giovanni Ruvolo dà un termine fino al 15 ottobre al civico consesso per approvare la delibera, pena l’impossibilità di affidare la gara prima della scadenza di questa ulteriore proroga. Nell’ordinanza si fa anche riferimento alle modalità di affidamento del bando di un anno per la raccolta e smaltimento rifiuti nel capoluogo, che sarà esperita con procedura negoziata, per evitare il sovrapporsi con la gara d’appalto che nel frattempo si presume dovrà esperire l’Urega. Il servizio per un anno, di 7 milioni di euro iva esclusa, prevede l’estensione della raccolta porta a porta al 42% del territorio urbano e si pone l’obiettivo del raggiungimento del 35% di raccolta differenziata.

Il piano del Comune di Caltanissetta è dunque questo: una proroga tecnica di tre mesi nelle more di affidare il bando per la gestione del servizio di un anno (estensibile per altri sei mesi) tramite procedura negoziata. Un anno e mezzo che dovrebbe essere sufficiente ad affidare la gara d’appalto europea per il servizio di gestione di sette anni.

Commenta su Facebook