Rifiuti, Srr provincia Sud. I sindacati: “Garantire dignità del lavoro, no alla prepotenza”

Nota stampa unitaria di Cgil, Cisl e Uil e delle federazioni Fp Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti.

Ci auguriamo che i sindaci dei comuni di Sommatino ,Riesi ,Mazzarino e Niscemi non firmino i contratti attuativi del servizio di raccolta dei rifiuti. Leggiamo con grande preoccupazione le dichiarazioni del Presidente della Srr Sud che con grande nonchalance ha affermato mezzo stampa che i lavoratori della ditta Tekra che dovrebbero transitare alla impianti srr sud se non firmeranno, la Impianti troverà altro personale e aggiunge che sarà facile rimpiazzarli visto la lista di disoccupati che hanno voglia e bisogno di lavorare.

Parole pesanti e offensive che suonano come un vero e proprio avvertimento per i 47 lavoratori in servizio presso i comuni delle 5 terre: o si accettano le condizioni imposte dalla impianti srr sud o si resta fuori. Condanniamo e stigmatizziamo le dichiarazioni del Sindaco Balbo e le modalità della Impianti srr nell’assumere il personale perché contrarie alla normative contrattuali vigenti nel comparto di riferimento e adottate con la prepotenza di chi ritiene di poter disporre del destino lavorativo di persone, lavoratori che per anni hanno assicurato e garantito un servizio essenziale come quello della raccolta dei rifiuti .

Recepiamo un gravissimo messaggio nelle parole di Balbo e ci auguriamo che i Sindaci dei Comuni di Sommatino, Riesi, Mazzarino e Niscemi abbiamo cura di questi lavoratori e delle loro famiglie. Un modo semplice per dimostrare in questi tempi di pandemia la vera attenzione per un mondo del lavoro che inesorabilmente sembra andare sempre più verso la precarietà e contro la dignità del lavoro .

CGIL CISL UIL

Rosanna Moncada, Emanuele Gallo, Vincenzo Mudaro

FP CGIL, FIT CISL( Ag.Cl.En), UIL TRASPORTI

Paolo Anzaldi, Mario Stagno, Filippo Manuella

Commenta su Facebook