Rifiuti, SRR. Cisl: "Bene sindaci su impiantistica e discariche".

417

<<In tempi non sospetti la Ust Cisl di Agrigento, Caltanissetta ed Enna aveva fatto appello a tutti i sindaci delle nuove SRR, società di regolamentazione dei rifiuti che sostituiscono i vecchi Ato delle tre province, a porre l’attenzione prima di tutto sull’impiantistica e le discariche, cercando di valorizzare, rendendole moderne e multifunzionali, le discariche pubbliche. Per tale motivo, prendiamo atto positivamente del mandato conferito dai sindaci della SRR “Provincia nord” di Caltanissetta, al commissario straordinario Enrico Vella, di predisporre e attivare tutte le procedure possibili, anche in raccordo con l’assessore regionale Nicolò Marino, per rendere fruibile la discarica pubblica di Contrada Martino a Serradifalco>>.Lo afferma il Segretario generale della Ust Cisl di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, Emanuele Gallo, commentando l’ultima assemblea dei sindaci che ha dato mandato al commissario Vella in tal senso.

<<Allora come ora, la Ust Cisl non si limita a prendere atto, sebbene positivamente, della notizia, ma indica la possibile strada da seguire per una soluzione che preveda comunque il graduale abbandono del sistema delle discariche. Per farlo, serve una progettualità condivisa che riesca a impegnare i fondi europei disponibili a tale scopo, riducendo gli attuali costi di conferimento in discarica, molto elevati per la collettività>>.

Per il segretario della Cisl <<i fondi della comunità europea si possono ottenere e impiegare solo con investimenti per impianti moderni, polifunzionali, che integrino le discariche e gli impianti di compostaggio, dotati di tecnologie per le diverse tipologie di trattamento e valorizzazione dei rifiuti. Finanziamenti che l’Europa mette a disposizione per incentivare la raccolta differenziata, a partire dai siti di cui le nuove Società di Regolamentazione Rifiuti dispongono, come la discarica di contrada Martino per i quindici comuni dell’area nord di Caltanissetta>>. <<Da sindacato – conclude Gallo – non possiamo infine sottovalutare l’impatto positivo che tale progetto avrà per la creazione di nuovi posti di lavoro. Meno interessi economici e più impianti pubblici che favoriscano una raccolta differenziata e intelligente dei rifiuti, basata sul capitale e le risorse umane>>.

Commenta su Facebook