Rifiuti, prorogato commissariamento SRR. Crocetta: “Cambio di marcia con differenziata”

1616

“Con buona pace dei catastrofisti apocalittici, che hanno immaginato che dal 1 ottobre non ci sarebbe stata in circa 8 Srr alcuna gestione, ho già emesso ieri un’ordinanza ex art. 191, che consente ai commissari già nominati di continuare a gestire tali enti fino a quando le amministrazioni comunali interessate non saranno pronte a subentrare nella gestione”. Lo afferma in una nota il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta.

Tra i commissari prorogati, anche Enrico Vella, per la Srr provincia Nord, che proseguirà il suo incarico fino al 15 gennaio. La Regione ha stabilito un cronoprogramma con determinati adempimenti per le Srr.

Entro il 15 novembre l’approvazione della pianta organica, entro il 15 dicembre il piano d’ambito.

“Tutto ciò – afferma Crocetta – delude una catastrofe prossima ventura annunciata da qualcuno, che scarica sistematicamente sul governo regionale inadempimenti che sono a carico di altri enti. Qualcuno immagina che il governo regionale stia a guardare e non compia gli atti necessari. Occorre liberarli da certe fantasie morbose, perché c’è un governo che governa e pensa ai cittadini. Su altre questioni come quella relativa alle discariche, stiamo provvedendo. Dopo tanti anni sono in gara diverse discariche pubbliche in tutta la Sicilia e stiamo lavorando a un piano sui rifiuti, pensando però che in Sicilia debba esserci un cambio di marcia con l’incremento della differenziata e della biostabilizzazione. La prossima settimana su quest’ultimo punto interverrò con specifico atto e, con buona pace dei profeti di sventura, anche queste emergenze sono state affrontate”.

Si è risolto anche il nodo della proroga a Caltambiente. In un primo momento dagli uffici dell’assessorato Energia e ambiente della Regione, si era vincolata la possibilità da parte del Comune di prorogare il contratto con Caltambiente (il comune ormai gestisce questa parte del servizio direttamente) alla presentazione del piano d’ambito dell’ARO 1 di Caltanissetta. In caso contrario, il comune rischiava di essere commissariato, come prevede la normativa, e sarebbe stato il commissario ad acta ad approvare il progetto per la gestione del servizio.

Così non è stato e dopo una serie di chiarimenti ottenuti direttamente dal sindaco Giovanni Ruvolo e dall’assessore Amedeo Falci, la proroga è stata fatta per garantire la continuità del servizio, mentre con il decreto pubblicato dalla Regione, la presentazione del piano d’ambito slitta al 15 dicembre prossimo.

Commenta su Facebook