Rifiuti. Fp Cgil Sicilia: “su personale Ato, Lombardo convochi i sindacati. Lentezza riforma rischia di produrre blocco del sistema”.

702

Totò“A pochi giorni dalla scadenza della gestione liquidatoria degli ATO il Presidente Lombardo si preoccupa di incontrare i Sindaci per la definizione degli Statuti delle nuove società di gestione (SRR) mentre da più di due anni il suo Governo non insedia il tavolo tecnico con le Organizzazioni Sindacali per definire le procedure concertative del passaggio del personale impegnato nel servizio. Tutto questo rischia di bloccare il sistema e produrre una nuova emergenza occupazionale”. La denuncia è di Fp Cgil Sicilia. “Nonostante le reiterate richieste avanzate dalla nostra Segreteria regionale – scrivono in una nota il segretario generale Michele Palazzotto e il segretario regionale Claudio Di Marco – nessun incontro si è mai tenuto per definire un protocollo di intesa che scongiuri il licenziamento di centinaia di lavoratori, per i quali una normativa lacunosa e ormai decontestualizzata, non ha previsto la possibilità di mantenimento del posto in organico a seguito del passaggio alle nuove società”. Una situazione di “incertezza”, che ha già interessato “decine di lavoratori dell’ATO CL1 che non hanno avuto rinnovato il loro contratto a termine” e “parecchie centinaia di operatori dell’ATO di EnnaEuno che si trovano a rincorrere una proroga del loro comando con le conseguenti preoccupazioni sul loro futuro professionale”. Per questo Fp Cgil Sicilia ritiene “non è più rinviabile l’avvio di un processo concertativo tra Governo e Sindacati che punti a definire soluzioni e proposte anche per scongiurare una nuova fase di protesta tra i lavoratori con le conseguenze che purtroppo ormai tutti conosciamo”.

Commenta su Facebook