Rifiuti ed economia circolare a Caltanissetta con il forum “Munnizza free”

361

Per la seconda edizione di Sicilia Munnizza Free, il progetto di Legambiente, patrocinato dall’Anci Sicilia e dal Dipartimento Acqua e rifiuti della Regione Siciliana, per liberare la Sicilia dai rifiuti e avviarci verso l’economia circolare, saranno riproposti gli EcoForum provinciali sui Rifiuti e l’Economia circolare che hanno riscosso un grande interesse tra gli addetti ai lavori (Amministratori pubblici, SRR, tecnici, aziende di gestione della RD). Ne saranno realizzati uno per ogni provincia e costituiranno un’occasione di incontro e di confronto sul tema sempre attuale della gestione sostenibile dei rifiuti, dalla rete degli impianti industriali alle buone pratiche dell’Economia Circolare.

Il prossimo appuntamento degli EcoForum provinciali si svolgerà a Caltanissetta il 17 gennaio, dalle 9.00 alle 13.30, al Centro Culturale Polivalente “Michele Abbate”, dove nelle tre sessioni di lavoro saranno illustrate e discusse idee, proposte e soluzioni per migliorare la gestione del ciclo dei rifiuti in provincia di Caltanissetta a partire dalla rete degli impianti a servizio della raccolta differenziata e sulle opportunità per le amministrazioni locali derivate dall’accordo quadro Anci-Conai. Un focus sarà dedicato allo stato della raccolta differenziata in provincia, che si attesta tra le più alte dell’Isola (gen-lug 2019 47,1%, fonte Dip. Reg. Acque e Rifiuti), ad esempi di buone pratiche e di progetti di economia circolare avviati da Comuni, Scuole e Aziende della Provincia. Chiuderà l’EcoFoforum una tavola rotonda tra i sindaci, responsabili delle Srr di Caltanissetta, deputati regionali, rappresentanti della Legambiente per un confronto sulle criticità e prospettive nella gestione del ciclo dei rifiuti nella provincia anche alla luce del disegno di legge di riforma in discussione all’assemblea regionale siciliana.

Al termine dei lavori saranno consegnati gli attestati ai Comuni e alle Scuole virtuose della provincia di Caltanissetta.

Commenta su Facebook