Riduzione indennità e costi della politica. Consiglieri propongono taglio a gettoni

514

Consiglio_Comunale_maggLa difficile congiuntura economica internazionale di questi giorni ha posto la cosiddetta Spending review come tema dominate dell’agenda politica non solo nazionale ma anche locale. Tutto ciò inevitabilmente comporterà sacrifici per le comunità amministrate e l’assunzione di scelte difficili e dolorose da parte delle politica che,rispetto a tale contesto, è chiamata a testimoniare un rinnovato senso di responsabilità e concreta disponibilità a perseguire il “bene comune”. Nell’ambito di tale dibattito, si è affermata a tutti i livelli ,ivi comprese le autonomie locali, l’esigenza di razionalizzare anche i costi della politica al fine di liberare risorse da poter utilizzare innanzi tutto per altre finalità sociali particolarmente pregnanti sopratutto in questo periodo di crisi . Anche nella nostra città ,da più parti ,è stata avvertita questa esigenza che ha trovato pieno e sensibile riscontro anche all’interno del Civico consesso a prescindere dalle diverse rappresentanze politiche che lo caratterizzano. La consapevolezza che, proprio in tali circostanze, la Politica non può non ritornare ad essere “la forma di carità più alta ed esigente” ci ha indotto ad intervenire affinché dalle enunciazioni di principio ,più volte pubblicate a mezzo stampa,si passasse ai fatti ! Per chi amministra la cosa pubblica i “fatti”,a prescindere dalle lodevoli iniziative che a titolo personale ognuno può esperire, devono necessariamente concretizzarsi nei provvedimenti amministrativi da adottare responsabilmente nelle sedi istituzionali competenti. Ecco perché, ieri l’altro,abbiamo deciso di formalizzare una richiesta di convocazione del Consiglio Comunale proponendo la trattazione del tema della riduzione dei costi della politica, realizzabile, per quanto ci compete, attraverso una significativa riduzione dei gettoni di presenza dei consiglieri ed una migliore organizzazione dei lavori delle commissioni consiliari permanenti. Tutto ciò nella consapevolezza che trattasi di proposte intese sostanzialmente come base di partenza per una riflessione che,arricchita dei contributi costruttivi dell’intero Consiglio Comunale,si auspica possa approdare a scelte di responsabilità quanto più partecipate e condivise possibili. Quanto sopra è certamente un primo ma significativo passo che il Consiglio comunale è chiamato a fare per addivenire, possibilmente attraverso un confronto scevro da sterili speculazioni e pretestuosità, ad una programmazione di bilancio 2012/2014 che sia realmente rispondente alle effettive esigenze della comunità Nissena.

Caltanissetta lì 3/10/2012

 F.to I Consiglieri Comunali :

 1)Giuseppe Cigna

2)Rino Bellavia

3)Sergio Speciale

4)Vito Margherita

5)GianLuca Nicosia

6)Michele Alù

Commenta su Facebook