"Ridurre il compenso ai revisori contabili del Comune". Proposta della commissione bilancio per l'organo che legittima i conti

1347

 “Si decurti del 20% il compenso dei revisori dei conti del Comune di Caltanissetta”.
Adriana Ricotta in consiglio comunaleLa IV Commissione Consiliare (Risorse e Sviluppo Economico), presieduta dal consigliere Carlo Campione e composta da Angelo Scalia, Guido Del Popolo, Salvatore Mazza, Aiello, Valeria Alaimo e Salvatore Petrantoni, esaminando la proposta di delibera sulla nomina del Collegio dei Revisori che il Consiglio Comunale nominerà nella prossima seduta del 9 luglio, ha proposto un emendamento per modificare gli emolumenti spettanti ai nuovi revisori dei conti, diminuendoli del 20%. E’ quanto riporta una nota del presidente della commissione Campione, condivisa con gli altri componenti di maggioranza e opposizione.
“Non è chiaro- prosegue – se già in deliberà potrà essere prevista la modifica o se sia necessario un atto di indirizzo da proporre alla Giunta. Un modo per interpretare la volontà dei cittadini che vede l’attività politica cosciente del momento di difficoltà che coinvolge la nostra città”.
Va però detto che il compenso dei revisori dei conti del comune di Caltanissetta era stato già ridotto sotto l’amministrazione Campisi e ad oggi è di quasi 15.000 euro lordi all’anno per il presidente e di 10.800 euro lordi all’anno per i componenti. Va anche ricordato che il collegio dei revisori dei conti è un organismo interno dell’amministrazione comunale. A dispetto di alcune consuetudini che avvengono nelle pubbliche amministrazioni e specie nelle partecipate del comune, il ruolo dei revisori non è un controllo ex post degli atti contabili, ma rappresenta il vaglio, in itinere, delle scelte contabili rispetto alla situazione finanziaria.
In altre parole il ruolo dei revisori dei conti attiene ad una responsabilità più onerosa del controllo a posteriori.
Ecco l’elenco dei revisori contabili, iscritti all’apposito albo, che hanno fatto istanza per fare parte del collegio in qualità di componenti, presidenti o , in subordine, di entrambe le cariche.
Fabio Michele Ginevra, Gianluca Costanzo, Mario Fontanazza, Giuseppe Di Forti, Maurizio Tollini, Antonio Balsamo, Michele Savoja, Piero Ribaudo, Marco Bellomo, Vincenzo Mantione, Luigi Tricoli, Luciana Camizzi, Fabio Di Dio, Maria Petrangolini, Angelo Pio Cammalleri, Fausto Luigi Assennato, Luigi Messina, Raimondo Torregrossa, Carmen Falzone, Giuseppe Cambria, Claudio Di Vincenzo, Basilio Scaturro, Marcella Scarlata, Maurizio Cioffi, Croce Manganaro, Fabio Mastrosimone, Alessandro Narbone, Salvatore Sardo, Salvatore Quattrocchi, Francesco Porta, Andrea Ferrante, Giancarlo Fornaia, Alida Marchese, Gioacchino Villa, Maurizio Reas, Calogero Fortunato, Alessandra Dibartolo, Ilenia Nicoletti, Carmelo Cardone, Francesco Verso, Maria Di Falco, Calcedonio Agnello e Gaetano Michele Scuto. Hanno invece presentato la domanda solo per fare il presidente Luciano Sardo, Maurizio Di Majo e Oscar Vancheri.

Commenta su Facebook