Rete per la fertilità. Partiti gli incontri nelle scuole: al liceo “Volta” esperti e studenti a confronto

591

Un ciclo di incontri nelle scuole con esperti, per dialogare con gli studenti sui temi della salute riproduttiva sotto diversi aspetti: dall’affettività ai corretti stili di vita. Si è tenuto nei giorni scorsi al Liceo scientifico “A. Volta” di Caltanissetta il primo di una serie di incontri formativi organizzati dalla Rete per la fertilità della provincia di Caltanissetta, prima rete locale creata da un capoluogo in Italia, dopo l’approvazione del Piano nazionale fertilità. All’incontro ha preso parte il sindaco, Giovanni Ruvolo, che coordina la rete composta da enti, istituzioni, scuole e associazioni del terzo settore, professionisti e medici.

“La scuola è il principale partner in questo ambito molto delicato che riguarda temi sensibili come la sfera della sessualità, l’educazione affettiva, la formazione dell’identità dell’individuo – spiega il sindaco Ruvolo – per questo il rapporto tra le istituzioni che compongono la Rete della fertilità riveste un ruolo importante”.

Agli studenti che hanno partecipato all’incontro, era stato in precedenza somministrato un questionario per monitorare quali nozioni siano possedute in tema di salute riproduttiva, educazione affettiva, malattie sessualmente trasmissibili. A coordinare il progetto per conto del Liceo “Volta” è la professoressa Mariella Paruzzo. Il questionario è stato somministrato dalla psicologa e psicoterapeuta del Cefpas Letizia Drogo che ha poi commentato i risultati insieme ai ragazzi.

“L’incontro fa parte di un progetto che vede impegnate tante istituzioni nell’ambito della Rete per la fertilità sul tema della salute riproduttiva – spiega il dirigente scolastico Vito Parisi -. E’ interessante per gli studenti poter partecipare ad un approfondimento accurato su questa tematica. A scuola già sviluppiamo percorsi sull’affettività e la salute riproduttiva”.

Diversi i contributi di specialisti psicologi, sociologi, medici e ginecologi. Erano presenti all’incontro la prof.ssa Paruzzo e la psicoterapeuta del Cefpas, Letizia Drogo, Calogera Drago che rappresenta l’ordine delle ostetriche di Agrigento e Caltanissetta, la ginecologa Daniela Anzelmo, segretario dell’Agite, associazione ginecologi territoriali, la dott.sa Daniela Falconieri del Cefpas, il pediatra Giuseppe Petrotto, il delegato per l’autonomia scolastica dell’ufficio scolastico provinciale, Salvatore Benfante Picogna.

“Questa esperienza pilota avviata con il liceo scientifico proseguirà con l’istituto alberghiero per poi coinvolgere tutte le altre scuole – conclude il sindaco – al fine di dare un’informazione chiara anche in tema di prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili”.

Commenta su Facebook