Responsabilità civile magistrati, l'ANM in linea con il CSM esprime "viva preoccupazione"

915

Si è riunita la Giunta della Associazione Nazionale Magistrati di Caltanissetta sull’imminente approvazione da parte del Parlamento del disegno di legge sulla responsabilità civile dei magistrati.
“La Giunta Sezionale di Caltanissetta dell’ANM, in ordine al progetto di riforma della responsabilità civile dei Magistrati, esprime viva preoccupazione con particolare riguardo alla proposta di eliminazione del filtro di ammissibilità della domanda risarcitoria e all’introduzione, come ulteriore fattispecie di responsabilità, del “travisamento del fatto e delle prove” in palese violazione dei principi costituzionali di autonomia e indipendenza della Magistratura”.
“La Giunta, segnatamente, esprime la piena adesione al parere già espresso dal C.S.M. sul disegno di legge proposto dal Governo n. 1626, di imminente trattazione alla Camera”.
Un punto oggetto di critica da parte del Csm sono gli interventi relativi alla cosiddetta ‘clausola di salvaguardia’ la regola che prevede che l’interpretazione delle norme di diritto e la valutazione dei fatti e delle prove non possono dar luogo a responsabilità civile: regola che, si legge nel testo, “non tollera letture riduttive” perché “sindacare l’attività valutativa e interpretativa posta in essere dal magistrato significa incidere profondamente sull’autonomia e indipendenza del potere giudiziario”.

Commenta su Facebook