Redentore, al via seconda edizione dell’infiorata. Comitati a lavoro

848

Solennità di Cristo Redentore: pronta la seconda edizione dell’infiorata.

Al Monte San Giuliano fervono i preparativi per la festa di giorno 6 Agosto: i Comitati di Quartiere hanno collocato questa mattina le piantine che colorano il sagrato del monumento e rendono davvero piacevole la visita al belvedere. E’ stato anche installato il palco sopra cui si esibiranno a, partire dalle 20.30, Lorenzo Ciulla, Luka Piaz e i “w cu balla w” di Patrizia Giugno, tutti presentati da Roberto Gallà.

Inoltre i lampioni ai lati della statua sono stati riportati alla posizione originale dopo che qualche incivile li aveva ruotati, a quanto pare appendendovi una corda, e sono stati sostituiti tutti i vetri dei lampioni che da tempo erano rotti o pericolanti. Qualcun altro invece si è divertito nei giorni scorsi ad imbrattare nuovamente il basamento del Redentore; le scritte sono state rimosse mentre al fine di individuare il colpevole dell’imbrattamento sono sotto visione le immagini delle telecamere di sicurezza installate l’anno passato proprio per sorvegliare il sostegno in pietra su cui si erge la statua di Cristo Redentore.
I Comitati di Quartiere hanno anche curato la realizzazione di un video con immagini, antiche e non, provenienti dai monumenti al Redentore di tutt’Italia e si occuperanno di un collegamento telefonico con il Rettore di uno di questi Santuari proprio a voler dimostrare un senso di unità e condivisione di intenti nella valorizzazione di tutti i siti di questo genere sparsi per il “bel paese”.
Si comincia dunque con la celebrazione dell’Eucarestia presieduta da Padre Anfuso alle ore 19 per poi proseguire alle 20.30 con il collegamento, la visione del video e gli spettacoli musicali.
Sarà possibile arrivare in macchina sul Monte San Giuliano posteggiando dietro le strutture dei due commercianti.
Il Coordinamento dei Comitati di Quartiere spera di poter contare sul senso di rispetto e di appartenenza che i nisseni nutrono nei confronti di questo luogo storico per Caltanissetta ed unico per la Sicilia.

Commenta su Facebook