Reddito di cittadinanza. Giornata formativa a Caltanissetta

728

Il sindaco Roberto Gambino insieme all’assessore alle politiche sociali, Cettina Andaloro, ha portato il saluto dell’amministrazione comunale alla giornata di formazione sul reddito di cittadinanza organizzata a Caltanissetta dall’assessorato alle Politiche sociali della Regione siciliana insieme alla Banca mondiale, istituto che si occupa dell’assistenza tecnica per la gestione del fondo povertà.

L’assessore Cettina Andaloro

All’incontro formativo tenutosi al Cefpas nella giornata di martedì 16 luglio hanno partecipato tutti i 55 distretti sociosanitari dell’Isola con proprie rappresentanze composte da assistenti sociali, psicologi, funzionari amministrativi, componenti delle equipe multidisciplinari. Sono state fornite le informazioni sull’attuazione del fondo povertà in continuità con gli aggiornamenti normativi che il governo Conte ha approvato nei mesi scorsi.

“È importante che istituzioni ed enti coinvolti nelle misure di accompagnamento diano il massimo e s’impegnino per far funzionare una politica strutturale di sostegno al reddito che finalmente colloca in primo piano l’Italia in Europa dal punto di vista del welfare. Eravamo l’unico paese insieme alla Grecia ad essere sprovvisti di politiche strutturali di sostegno al reddito”, ha detto il sindaco Gambino.

“L’Amministrazione comunale è in prima linea su questo fronte – prosegue Gambino -. È stata rispettata la scadenza di fine giugno per l’approvazione del PAL, il piano d’attuazione locale. 776mila euro sono stati programmati per gestire la governance tecnica, il che significa farsi trovare pronti con i progetti in cui impiegare i beneficiari del reddito di cittadinanza in un quadro di politiche d’inclusione sociale e di servizi ai nuclei familiari”.

Il comitato dei sindaci del distretto sociosanitario D-8, su proposta del dirigente Giuseppe Intilla, a seguito delle conferenze di servizi ha approvato il Piano d’attuazione locale per la quota servizi del fondo. E’ stato rafforzato il servizio sociale professionale nei Comuni del distretto, è stato ampliato il Centro famiglie con misure a sostegno della genitorialità e sono previsti servizi di pronto intervento sociale e risorse economiche per l’acquisto di beni strumentali e servizi che consentiranno di far subito partire i progetti di pubblica utilità in cui i beneficiari del Rdc saranno impiegati nei vari Comuni.

 

Commenta su Facebook