Rappresentanza e partecipazione dei lavoratori. La Cisl a dibattito con oltre 250 delegati

510

Maurizio Bernava - CISL - a sx Emanuele GalloLa Cisl (Agrigento-Caltanissetta-Enna) organizza una manifestazione con dibattito su tre tematiche di stringente attualità nel mondo del lavoro: la “partecipazione dei lavoratori per lo sviluppo del territorio”, “emergenza lavoro ed emergenza sociale”, “l’azione della Cisl su rappresentanza e contrattazione”. La manifestazione si svolgerà martedì 11 Marzo 2014 presso l’auditorium dell’Irsap di Caltanissetta, sede operativa regionale, di contrada Calderaro.

Esponenti nazionali, regionali e territoriali della Cisl, dibatteranno sul crescente tasso di disoccupazione giovanile, su come incentivare la creatività occupazionale, le nuove prospettive imprenditoriali dell’area vasta del centro Sicilia e dei provvedimenti in essere della Regione Siciliana.

“La realtà locale è caratterizzata da problematiche ataviche, quali un alto tasso di criminalità, spesso urbanizzazione selvaggia, clientelismo e diffidenza nei confronti delle istituzioni. La CISL promuove l’analisi dei temi insieme ad oltre duecentocinquanta Rsu, Rsa e delegati. Il sindacato deve essere parte attiva di nuove iniziative produttive, soprattutto nell’individuare le regole, rese incerte da intoppi burocratici o clientelari, primo freno agli investimenti dall’esterno. In questo contesto l’accordo sul “modello di Rappresentanza sindacale”, sottoscritto il 10 Gennaio 2014, democratico e fortemente partecipativo, migliora le relazioni sindacali e agevola le condizioni di un eventuale sviluppo del territorio proprio perchè garantisce alle imprese un quadro di regole certe a partire dalle relazioni sindacali”.

Oggi il governo regionale presenta il “Piano giovani” una misura importante che però se non viene affiancata ed inserita nell’ambito di un progetto di sviluppo e di un piano industriale per la Sicilia, rischia di essere solo un buon finanziamento, ma non una leva di crescita occupazionale.

Sulle “Zone franche urbane”, provvedimento che coinvolge anche Gela, Enna e Lampedusa Linosa e Sciacca all’interno delle tre province, va detto che si tratta di una misura ristretta e limitata sia territorialmente (a una parte dei comuni interessati) che per ampiezza di provvedimenti, in quanto coinvolge le micro imprese.

Ciò che serve al territorio è un progetto di ampio respiro come la “zona franca della legalità” che preveda agevolazioni fiscali e investimenti esteri. Chiediamo ai governi regionale e nazionale che intervengano per proseguire l’iter della Zona Franca avviato in provincia di Caltanissetta, Agrigento ed Enna”.

La Presidenza della conferenza sarà affidata al segretario generale Usr CISL Sicilia Maurizio Bernava. Relazionerà il segretario generale UST AG CL EN , Emanuele Gallo. Al termine del dibattito del gruppo dirigente concluderà il Segretario Confederale Nazionale Cisl Gigi Sbarra.

Emanuele Gallo – Segretario Generale Cisl (Agrigento, Caltanissetta, Enna)

Commenta su Facebook