Rapinata in casa a Roma la moglie del senatore Macaluso

935

Notte da incubo per la moglie dell’ex senatore del Partito Comunista Italiano e giornalista Emanuele Macaluso di Caltanissetta, aggredita e rapinata nella propria abitazione di San Basilio a Roma dopo essere stata sorpresa mentre dormiva nel proprio letto. La rapina si è consumata intorno alle 4:00 della notte tra il 28 ed il 29 gennaio in un’abitazione di via Emanuele Ciacieri. Vittima Maria Vincenza D’Amelio, 77enne poi costretta alle cure del’ospedale dopo aver accusato un malore.
SORPRESA NEL SONNO – Secondo quanto raccontato dalla donna agli investigatori del commissariato di San Basilio i due rapinatori, con il volto travisato, sono entrati  nell’appartamento da una finestra soprendendo Vincenza Macaluso nel sonno. Dopo averla costretta ad aprire la cassaforte, ripulita di gioielli e preziosi, ancora da  quantificare, i due malviventi si sono dati alla fuga con il ‘bottino’.
CHIAMATA DELLA FIGLIA – Ad allertare il 113 dopo aver udito degli strani rumori la figlia della donna, residente nell’appartamento al piano di sopra. L’anziana vittima ha poi accusato un malore ed è stata trasportata all’ospedale Sandro Pertini per accertamenti.
EMANUELE MACALUSO – La vittima è la moglie di Emanuele Macaluso, ex Senatore della Repubblica nato a Caltanissetta nel 1924. Già iscritto al Pci prima della fine del Ventennio fascista, è stato sindacalista della Cgil. Giornalista, è stato anche direttore de L’Unità dal 1982 al 1986 e de Il Riformista dal 2011 al 2012.
fonte Roma today

Commenta su Facebook