Rapinarono la banca “San Paolo” a Delia. Arrestati i malviventi grazie all’identikit

2015

I carabinieri della compagnia di Caltanissetta coadiuvati dalla compagnia di Licata hanno tratto in arresto i due soggetti responsabili della rapina del 25 agosto scorso a Delia, alla filiale della “intesa san paolo”.

Nella circostanza, intorno alle 13.00, due uomini avevano fatto ingresso all’interno della banca, fingendo di dover effettuare una normale operazione allo sportello. Improvvisamente avrebbero afferrato un oggetto contundente e minacciando il cassiere, si erano fatti consegnare circa 4.000 euro in contanti presenti in quel momento nel “roller-cash”.

Raccolti i soldi, i due si sono poi allontanati dalla banca a bordo di una vecchia “fiat panda” .

Conclusa la rapina, il direttore della banca ha dato immediatamente l’allarme e sono giunti sul posto i Carabinieri della stazione di Delia che hanno dato immediato impulso alle indagini.

Infatti, dopo un minuzioso sopralluogo e dopo aver raccolto ogni elemento utile presente sulla scena del crimine elaborando un verosimile identikit dei rapinatori , hanno diffuso le ricerche dei soggetti anche presso i comandi dell’arma presenti sui territori limitrofi.

Proprio grazie a questi elementi ed alla perfetta sinergia tra i carabinieri di Delia e quelli di Campobello di Licata, i militari sono riusciti ad individuare i rapinatori e la vettura utilizzata per commettere il reato.

Questa mattina dunque, dopo averli localizzati con certezza, i militari hanno effettuato il “blitz” notificando l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’ufficio del G.i.p. presso il tribunale di Caltanissetta, nei confronti di due uomini agrigentini, Gaetano La Mattina, classe ’67 e Giuseppe Ciuni, classe 1983, condotti presso la casa circondariale di Caltanissetta dove rimarranno a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Commenta su Facebook