Rapina violenta ai danni di un’anziana cardiopatica. In carcere due nisseni

1842

Rapina e violenza in casa di un’ anziana indifesa. Due arresti a Caltanissetta. Ultraottantenne e cardiopatica la donna presa di mira dai malviventi.

Salvatore Samparisi
Salvatore Samparisi
Andrea Iacona
Andrea Iacona

Nella prime ore di questa notte i poliziotti della Squadra Mobile nissena – sezione antirapina – hanno tratto in arresto due giovani nisseni, Salvatore Samparisi e Andrea Iacona, entrambi di 28 anni, colpiti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Caltanissetta, David Salvucci, su richiesta del Pm della Procura, Sofia Scapellato.

Ai due viene contestata una cruenta tentata rapina aggravata ai danni di una donna ultraottantenne, gravemente malata, sorpresa in casa. Le immediate indagini avviate dagli investigatori dell’antirapina, hanno consentito di raccogliere elementi a carico di Iacona e Samparisi, facendo emergere agghiaccianti particolari del modus operandi.

In particolare, nel pomeriggio del maggio scorso, a Caltanissetta, in un condominio di via Alcide De Gasperi, Samparisi, in qualità di esecutore materiale, insieme a Iacona, in qualità di basista poiché residente nello stesso stabile della vittima, si sarebbero resi protagonisti della cruenta rapina.

Il primo si introdusse con l’inganno all’interno dell’abitazione della donna, strattonandola, percuotendola e quasi soffocandola mediante l’introduzione forzata in bocca di volantini di carta, chiudendola poi nel bagno dell’abitazione.

L’anziana, rischiando di essere soffocata, con non poca difficoltà riuscì a liberarsi dai volantini infilati in gola, precipitandosi a balcone per prendere respiro.

Stremata, anche a causa della sua grave cardiopatia, solo il giorno successivo è riuscita ad avvertire la sua unica figlia, che vive a Parma, raccontandole l’accaduto. E’ stata quest’ultima ad avvertire telefonicamente la Polizia, che ha raccolto la denuncia dell’ottantenne in casa.

Dal riconoscimento da parte delle vittima e grazie al controllo incrociato delle immagini di videosorveglianza della zona, gli agenti sono risaliti a Samparisi e Iacona. Sarebbe stato proprio Iacona a facilitare l’ingresso del suo complice nello stabile, fornendogli anche abiti di ricambio al fine di eludere eventuali indagini.

Samparisi Salvatore risulta già segnalato per numerosi reati, mentre Andrea Iacona risulta incensurato. Gli arrestati, difesi rispettivamente dagli avvocati di fiducia Milia Ferdinando per Samparisi e Panepinto Giuseppe per Iacona, dopo le formalità di rito sono stati condotti presso la Casa Circondariale di via Malaspina

Commenta su Facebook