Rapina alla banca Montepaschi. Arrestati gli autori del colpo da 25mila euro

986

Arrestati dai Carabinieri gli autori della rapina alla Monte dei Paschi del 12 dicembre scorso. I Carabinieri della tenenza di San Cataldo hanno tratto in arresto, a seguito di ordinanza di custodia cautelare in carcere, due giovani catanesi: Salvatore Cavallaro classe ‘92 e Santo D’Arrigo Sciattella, classe ’90.

Il 12 dicembre scorso, nella tarda mattinata, due soggetti si erano introdotti all’interno dell’ istituto bancario di san cataldo, minacciando il dipendente con un taglierino, erano riusciti a farsi consegnare il contante presente in cassa per un ammontare di circa 25 mila euro.

Nella circostanza, uno dei due rapinatori aveva fatto ingresso dalla porta principale e si era repentinamente diretto verso lo sportello clienti scavalcando il bancone.

Una volta dall’altra parte, puntando il taglierino nei confronti del cassiere, il rapinatore aveva premuto il pulsante che controlla la chiusura della porta, favorendo cosi l’immediato ingresso del complice.

I due, dopo essersi impadroniti del denaro, avevano preso in ostaggio il dipendente della banca, dal quale si erano fatti poi sbloccare il meccanismo di chiusura del “bussolotto” di sicurezza posto all’ingresso.FOTO SCIATTELLA SANTOFOTO CAVALLARO SALVATORE

Ancora sotto shock, la direttrice della banca aveva contattato il “112” e, immediatamente, erano intervenuti sul posto i militari della tenenza di San Cataldo guidati dal luogotenente Carmelo Zimarmani ed i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Caltanissetta, addetti ai rilievi sulla scena del crimine.

I carabinieri, riuscirono a repertare alcuni frammenti di impronte digitali che unite alle immagini del sistema di video sorveglianza della banca e da quelle situate su via Babbaurra, hanno costituito indizzi e prove determinanti per individuare i due rapinatori, gravati entrambi da precedenti di polizia per reati specifici. Entrambi arrestati, sono stati condotti nelle carceri di Catania e Ragusa per rapina e sequestro di persona.

 

Commenta su Facebook