Raid vandalico al Testasecca nelle cucine di Equo food, il servizio non si ferma

Ieri mattina gli operatori di Equo food hanno avuto la brutta sorpresa recandosi all’istituto Testasecca di viale della Regione dove sono allocate le cucine del progetto. Ignoti durante un raid notturno hanno danneggiato alcuni arredi senza portar via nulla.
“Oggi qualcuno ha violato la nostra dignità. Non sappiamo se lo ha fatto per rubare o intimidirci – ha scritto Fabio Ruvolo, presidente della cooperativa Etnos -. È stato fatto solo danno alle cose e non è stato rubato nulla. Si sappia che ogni azione criminale sarà sempre denunciata agli inquirenti perché non intendiamo cedere ad alcuna possibile intimidazione.
OPEN FOOD è un progetto pulito, trasparente, umano e meravigliosamente concreto e non sarà in alcun modo condizionato da criminali indegni”. La cooperativa ha ricevuto una pioggia di solidarietà da parte di cittadini e rappresentanti delle istituzioni. Proprio in questi giorni il progetto Equo Food dei pasti a 1 euro è stato alla ribalta nazionale. Il fast food solidale di via Amari che eroga pasti a prezzo calmierato e in cui lavorano anche ragazzi con disabilità, ha infatti generato tanto interesse per l’approccio innovativo ai temi della povertà e dell’inclusione sociale.
Commenta su Facebook