Raffica di denunce dei Carabinieri nel week end. Abusivismo edilizio, armi, guida in stato di ebbrezza

1147

Ben quattordici denunce dei Carabinieri a Caltanissetta, San Cataldo, Resuttano, Delia, Sommatino nel fine settimana.

Intensa attività nel territorio della Compagnia di Caltanissetta guidata dal capitano Domenico Dente. Le 14 denunce alla Procura della Repubblica sono per guida senza patente, guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche, reati ambientali e detenzione illegale di arma modificata.

Resuttano

Nella mattinata di venerdì, i militari della stazione di Resuttano, guidati dal maresciallo ordinario Giuseppe Manna, al termine di alcuni mirati controlli effettuati in collaborazione con il personale dell’ufficio tecnico del comune, hanno deferito in stato di libertà 7 persone, tra i 25 ed i 50 anni, per “infrazioni edilizie e opere eseguite in assenza di concessione, in totale difformità o con variazioni essenziali” in violazione dell’art. 7 della legge 47/1985. Infatti avevano realizzato immobili parzialmente o completamente abusivi, posti sotto sequestro, con relativa ordinanza di demolizione da parte del sindaco.

Carabinieri Resuttano

Delia

Domenica mattina, i Carabinieri della stazione di Delia, guidati dal maresciallo capo Luciano Ruggeri, al termine di un servizio mirato, hanno deferito in stato di libertà per “scarichi di acque reflue non autorizzati e utilizzo improprio di acque di vegetazione” in violazione dell’art. 137 co.1 e 14 d. Lvo 03.04.2006, due persone, s.m., ventisettenne e c.s., quarantenne, rispettivamente rappresentante legale e proprietario di un oleificio. I Carabinieri, a seguito di controlli effettuati unitamente al personale dell’Arpa Sicilia – struttura territoriale di Caltanissetta, presso la struttura hanno accertato la mancanza di specifica autorizzazione agli scarichi, che sono stati dunque posti sotto sotto sequestro preventivo.

Sempre a Delia, i Carabinieri della stazione, impegnati in un posto di controllo presso via Diaz, hanno denunciato in stato di liberta’ c.c., trentenne nisseno poiche’ “pizzicato” alla guida del proprio ciclomotore, senza patente per non averla mai conseguita. Oltre alla denuncia prevista dall’art. 116 del c.d.s., l’uomo ha subìto la confisca del mezzo.

San Cataldo

A San Cataldo, durante il weekend, i militari della nucleo operativo e radiomobile hanno denunciato in stato di libertà, S.A., sancataldese di quarant’anni, poiche’ intorno alle 2.30 di venerdì notte, durante un posto di controllo effettuato in via Babbaurra, e’ stato sorpreso in stato di ebbrezza alcolica, a seguito di accertamento effettuato con l’etilometro, mentre era alla guida della propria autovettura “Lancia Lybra”. Lo stesso infatti ha riportato un tasso alcolemico nel sangue pari a 0,98 g/l rispetto ad un limite previsto di 0.5 g/l e, pertanto, oltre alla denuncia, ha subìto anche il ritiro della patente di guida.

Sempre a San Cataldo, i militari della locale Tenenza, guidati dal luogotenente Carmelo Zimarmani, hanno denunciato a piede libero i.r., sancataldese di cinquant’anni, gravato da pregiudizi penali, per detenzione illegale di arma, prevista dall’art. 2 e 7 della legge 895/67. Nella fattispecie, i militari sono intervenuti presso un’abitazione a seguito di una segnalazione di lite in famiglia, dove hanno rinvenuto una carabina ad aria compressa, modificata e dunque capace di erogare una potenza di tiro pari a 11,9 joule, tale da poter essere considerata arma comune da sparo. L’accertamento è stato effettuato con l’ausilio dei carabinieri della sezione balistica del R.I.S. (reparto investigazioni scientifiche) di Messina.

Sempre a San Cataldo, nella mattinata di domenica, i Carabinieri della locale Tenenza, impegnati in un posto di controllo presso via Leopardi hanno denunciato in stato di libertà B.F., trentenne sancataldese, con diversi precedenti di polizia. Il giovane, alla vista dei militari ha effettuato una repentina manovra di inversione riuscendo a dileguarsi per le vie del paese. Tuttavia, memorizzando la targa del ciclomotore, i carabinieri hanno immediatamente effettuato gli accertamenti di rito, rilevando che l’uomo era alla guida di un mezzo sprovvisto di copertura assicurativa e senza la patente prevista per tale categoria di veicolo. Al termine degli accertamenti e nonostante la fuga, l’uomo e’ stato comunque denunciato ex art. 116 del c.d.s. Ed ha subìto, inoltre, la confisca del mezzo.

Sommatino

Stessa sorte per un sommatinese pizzicato, nella serata di sabato, dai militari della locale stazione guidati dal maresciallo aiutante Pietro Palazzo. Anche in questo caso, i Carabinieri erano impegnati in un posto di controllo presso contrada Linea quando hanno intimato l’alt ad un uomo alla guida di una “Opel Corsa”. Il soggetto, C.D., trentenne sommatinese, e’ stato denunciato ex art. 193 comma 2 c.d.s. Poiche’ trovato alla guida di un mezzo sprovvisto di copertura assicurativa ed ha subìto inoltre il sequestro del mezzo, finalizzato alla successiva confisca.

Commenta su Facebook