Quasi 90 positivi a Riesi, il sindaco chiede la zona rossa

Quasi 90 contagi a Riesi dove il sindaco Salvatore Chiantia ha formalmente richiesto la zona rossa al presidente della Regione Nello Musumeci. Ad oggi sono 87 i positivi riscontrati su una popolazione di circa 11 mila abitanti. Un’impennata verificatasi in pochi giorni che fa di Riesi uno dei Comuni con il tasso di positività tra i più alti in Sicilia. Degli 87 positivi riscontrati, 68 sono stati già testati dall’Asp con il tampone molecolare e 19 son risultati positivi al tampone rapido eseguito presso laboratori privati. Ciò che preoccupa è l’età sempre più giovane dei contagiati tra i quali risultano anche cinque bambini.

“Purtroppo la situazione non tende a migliorare – ha detto il sindaco Salvatore Chiantia -. Ieri abbiamo registrato altri 10 positivi al coronavirus individuati con test rapidi e quindi siamo in attesa di conferma del tampone molecolare. Abbiamo 87 contagiati e ho ritenuto opportuno chiedere l’istituzione della zona rossa perché purtroppo non abbiamo alternative. Il tasso di contagio è cinque volte quello medio della provincia di Caltanissetta. Tra i quasi 90 contagiati registriamo purtroppo delle novità, ci sono molte persone giovani e addirittura bambini. Fortunatamente le scuole sono chiuse e questo ha consentito di limitare i danni come dimostrano i risultati dei tamponi eseguiti ieri nel piazzale De Andrè sulla popolazione scolastica che hanno dato quasi tutti esito negativo”.

In attesa di un riscontro da Palermo il primo cittadino di Riesi ha emanato una nuova ordinanza maggiormente restrittiva di quella adottata la scorsa settimana quando erano state già chiuse le scuole e il mercato settimanale e interdetto l’accesso al piazzale De Andrè. Adesso è stato deciso il divieto di circolare a piedi o con qualsiasi mezzo in città senza un comprovato motivo. Oltre alla conferma della chiusura delle scuole il sindaco ha disposto la sospensione delle attività degli uffici comunali fatti salvi i servizi essenziali. Sospese tutte le attività svolte negli immobili comunali, il mercato settimanale, il cimitero comunale.

Commenta su Facebook