Proverbi siciliani “al contrario”. L’idea per la campagna di comunicazione di Arcipelago Sicilia

3708

“Cu nasci tunnu PO’ moriri quadratu”. “Megghiu u bonu a CANUSCIRI ca’ u tintu canusciutu”. “Cu lassa a vecchia ppa nova MEGGHIU s’attrova”. “A megghiu parola è chidda ca’ SI RICI”. “Aranci aranci, ci avi i guai UN si chianci”.

Sono alcuni proverbi dialettali “al contrario” a caratterizzare la campagna di comunicazione del Movimento dei Territori, con la lista “Arcipelago Sicilia”.

“La Sicilia può cambiare – afferma Leoluca Orlando – e può farlo superando la tradizionale tendenza della nostra cultura al fatalismo, superando la certezza prima ancora che la paura della difficoltà del cambiamento”, afferma il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Ai proverbi al contrario si accompagnano cinque parole chiave “per cambiare la Sicilia”: competenza, fiducia, innovazione, solidarietà, passione.

“Con questa campagna – prosegue Orlando – vogliamo stimolare prima di tutto una riflessione e un dibattito fra i siciliani e le siciliane. Vogliamo ricordare a tutti che gli attori del cambiamento possibile siamo noi, ognuno di noi a partire dal nostro modo di vedere e relazionarci alla Sicilia e ai nostri concittadini”.

 

Commenta su Facebook