Progetto Anci MediAree, Mannella: “Occasione persa?”

60

“Siamo in presenza di un’altra occasione perduta? E’ questo il senso dell’interrogazione presentata al Sindaco Gambino con cui chiedo se il Comune ha partecipato all’avviso pubblico per il progetto ANCI “MediAree” e, se si, con che modalità”. Lo afferma la consigliera comunale Oriana Mannella. 

Il progetto è finalizzato a selezionare dieci città pilota con le quali sperimentare modelli di “Next Generation City”, le città più inclusive, più verdi, più dinamiche e vivibili che vogliamo consegnare alle future generazioni di cittadini. Ai dieci Comuni beneficiari sarà fornito dall’ANCI un supporto personalizzato attraverso attività di: consulenza e affiancamento da parte del proprio personale interno e di società e centri di consulenza; formazione specialistica rivolta al personale dei Comuni capoluogo e dei Comuni partner di progetto e ai soggetti del territorio coinvolti nel progetto; supporto logistico e organizzativo per la realizzazione di incontri territoriali in presenza e a distanza; partecipazione dei sindaci alla Cabina di Regia del progetto e alle iniziative di comunicazione finalizzate a dare visibilità ai propri progetti territoriali.

“Mi preme sottolineare che l’avviso è anche una opportunità che verrà offerta ai Comuni che non entreranno nei primi dieci posti della graduatoria ad avere accesso a percorsi formativi, a eventi di rilievo nazionale e ad avere a disposizione informazioni, strumenti operativi e documentazione utili all’elaborazione di sistemi per la gestione di politiche di area vasta. In un’ottica di miglioramento generale delle nostre prospettive per un futuro mirato a fare di Caltanissetta una città più vivibile mi sono chiesta se la nostra Amministrazione aveva intenzione di partecipare a questa selezione mettendo su carta la propria visione prospettica di come potrebbe essere la Caltanissetta del futuro e, non riuscendo mai a sapere quali sono le prospettive di un Sindaco che ha blindato Giunta e Consiglio Comunale creando quasi una lobby politica”.

Commenta su Facebook