Prodotti cinesi non a norma. Oltre mille sequestrati dalle Fiamme Gialle

785

Controlli sulla sicurezza dei prodotti e sulla tutela del “made in Italy”, sequestrati oltre 1.000 articoli non a norma dalla Guardia di Finanza.

Nell’imminenza delle festività natalizie, anche in adesione alle indicazioni dettate da S.E. il Prefetto di Caltanissetta sulla scorta del contenuto della circolare del Ministro dell’Interno, aumenta e si fa più incisiva l’attività delle Fiamme Gialle Nissene, a tutela dei consumatori e del c.d. Made in Italy, nel contrastare la commercializzazione di prodotti pericolosi per la salute e non conformi agli standard di sicurezza nazionali ed europei

Nell’ambito dei servizi volti ad accertare l’osservanza delle prescrizioni imposte dalla normativa comunitaria vigente in materia della sicurezza prodotti, i Finanzieri del Comando Provinciale di Caltanissetta hanno individuato e sottoposto ad ispezione diversi esercizi commerciali, gestiti da cittadini di nazionalità cinese, ponendo sotto sequestro amministrativo più di 1000 articoli irregolarmente commercializzati.

Sono stati sequestrati giocattoli, articoli di bigiotteria e materiale elettrico (asciugacapelli, piastre per capelli etc) immessi sul mercato privi dei prescritti certificati di conformità e sicurezza previsti dalla legge e sprovvisti di informazioni utili per risalire alla provenienza degli stessi e ai materiali utilizzati per la loro fabbricazione.

Le attività commerciali controllate sono state selezionate a seguito di un’efficace analisi di rischio basata sull’incrocio delle informazioni contenute nelle banche dati a disposizione del Corpo, sulle risultanze dell’attività di intelligence e del controllo economico del territorio, nonché sulle pregresse esperienze operative.

L’ attività espletata a tutela del “Made in Italy” ha portato invece al sequestro di oltre 100 capi di abbigliamento di buona fattura, sui quali era stata sostituita l’etichetta “Made in China” facendo falsamente risultare la provenienza italiana.

Il bilancio dell’operazione condotta dai militari del Comando Provinciale di Caltanissetta evidenzia, ancora una volta, il costante presidio attuato sul territorio dalle Fiamme Gialle a tutela dell’economia legale. La vendita di prodotti insicuri, infatti, oltre a distorcere le regole della concorrenza ed a sottrarre risorse al fisco, si sostanzia spesso in condotte pericolose per la salute dei cittadini.

Vale la pena ricordare che già dal gennaio del 2014 è stato reso operativo l’applicativo S.I.A.C. (Sistema Informativo Anti Contraffazione), raggiungibile attraverso il sito internet https://siac.gdf.it, che oltre a fornire un quadro aggiornato sull’azione svolta dalle varie istituzioni che contrastano il “mercato del falso”, mette a disposizione dell’utenza preziose indicazioni e consigli pratici per evitare di acquistare prodotti contraffatti o pericolosi.

Commenta su Facebook