Processo Montante, due giornalisti ammessi come parte civile

537

Si è aperta con la richiesta di costituzione parte civile, l’udienza che si celebra a Caltanissetta con il rito abbreviato, davanti al Gup Graziella Luparello, nei confronti dell’ex leader di Confindustria Antonello Montante e di altri cinque imputati. La richiesta avanzata dall’editore e direttore responsabile del settimanale “Centonove”, Enzo Basso e dalla giornalista Graziella Lombardo, è stata accolta dal giudice. I due giornalisti, sarebbero fra le persone spiate nell’ambito del cosiddetto “sistema Montante”. Altre parti civili già ammesse per alcuni capi d’imputazione, hanno invece chiesto nell’udienza di oggi, di essere ammesse anche per il capo di imputazione relativo all’associazione a delinquere finalizzata a “commettere più delitti contro la pubblica amministrazione e di accesso abusivo a sistema informatico”. Fra loro anche il teste chiave dell’inchiesta, già parte offesa e parte civile, Alfonso Cicero, assistito dall’avvocato Annalisa Petitto. Il processo riprenderà lunedì 21 gennaio, alle 10, nell’aula bunker diel carcere di Caltanissetta, con il giudice che si pronuncerà sulle nuove richieste di costituzione parte civile limitatamente ad un capo di imputazione e sulla produzione documentale annunciata sia dal legale di un imputato che dal Pm Maurizio Bonaccorso. Il Gup ha anche annunciato che intende chiedere l’esame di un testimone, senza però specificare di chi si tratta. Il legale di Montante, l’avvocato Giuseppe Panepinto, durante l’udienza ha prodotto il decreto di rimessione del processo assegnato alla sesta sezione della Cassazione. (AGI)

Commenta su Facebook