Primo defibrillatore sottocutaneo senza fili al reparto di Cardiologia del Sant’Elia

2388

Impiantato al reparto di Cardiologia dell’ospedale Sant’Elia il primo defibrillatore sottocutaneo senza fili su un paziente di 70 anni proveniente da Barrafranca. L’uomo che, oltre a quella cardiaca, aveva altre patologie, sta bene ed entro qualche giorno riprenderà le sue normali attività quotidiane. Ad impiantare il defibrillatore il responsabile del reparto Felice Rindone e il cardiologo Calogero Geraci che nell’occasione hanno ringraziato tutto il personale infermieristico e gli operatori socio sanitari. “Si tratta di un defibrillatore sottocutaneo – spiega il cardiologo Calogero Geraci – che permette di salvare la vita in pazienti con una frazione di eiezione sotto il 35%. La novità di questo nuovo impianto che si chiama S-Icd è che non abbiamo degli elettrocateteri che entrano nel cuore. Questo ci permette una relativa facilità di impianto e ci permette di diminuire le infezioni nel post impianto e, soprattutto, per i pazienti complessi, è una nuova possibilità che la nostra provincia offre. Quindi un dispositivo molto importante che va a caratterizzare la qualità della nostra sanità provinciale e si inserisce nel carnet di impianti, di re-sincronizzatori che ormai facciamo all’ospedale Sant’Elia, di defibrillatori e di pacemaker, quest’anno con ottimi risultati. Normalmente i tempi di ripresa vanno da 7 a 14 giorni, in questo caso la ferita è sottocutanea quindi ci sono dei tempi di ripresa molto inferiori rispetto al solito. Il paziente è stato impiantato con un intervento della durata di circa un’ora e mezzo e adesso si trova tranquillamente a letto in degenza non sicuramente in terapia intensiva. Sicuramente avere la possibilità di non inserire elettrocateteri nel cuore ci risparmia tutte le complicanze infettive e quelle di perforazione all’interno delle camere cardiache cui possiamo andare incontro con i defibrillatori tradizionali e i cateteri a vite. Questa nuova tipologia di impianto ci dà dunque la possibilità di diminuire gli indici di fuga in maniera importante”.

Commenta su Facebook