Primarie Pd. La Cardinale c'è, Speziale fuori. Carabinieri sequestrano seggi a Gela, scoppia il caso.

1012

Votanti Gazebo - primarie centrosinistra

Le primarie parlamentari del Partito Democratico. In provincia di Caltanissetta sono stati 7 mila i votanti complessivi e a classificarsi al primo posto, per numero di preferenze, è il deputato uscente della Camera, Daniela Cardinale, figlia dell’ex ministro delle telecomunicazioni, Salvatore, che ha totalizzato 2488 voti. Esce sconfitto, per soli 65 voti, l’altro candidato forte delle primarie parlamentari, dell’area gelese, Lillo Speziale, che nonostante i 2.423 voti, non sarà candidato nelle liste del Partito Democratico alle elezioni politiche, salvo colpi di scena che potrebbero arrivare dal comitato regionale che deciderà la composizione delle liste in ultima istanza, oppure dal riconteggio dei voti di due seggi gelesi sequestrati dai Carabinieri. Proprio così, perchè nelle primarie parlamentari in Sicilia, si registra un caso Caltanissetta nel PD.

A operazioni di voto concluse, con le schede di due seggi gelesi già scrutinate, infatti, alcuni militanti, pare vicini all’area Speziale, hanno chiesto il riconteggio dei voti, dicendosi sicuri che vi sossero stati errori. Ma a norma di regolamento il riconteggio non era previsto, e i toni si sono accesi fino ad arrivare quasi allo scontro fisico. Motivo per cui sono intervenuti i Carabinieri che hanno prima placato gli animi e successivamente sequestrato i due seggi di cui si chiedeva il riconteggio delle preferenze. Un finale al veleno, quindi, con una parte del PD che grida a presunte irregolarità che pesano molto alla luce dell’esiguo vantaggio della Cardinale di soli 65 voti su Speziale. Un finale da brivido per Speziale, che aveva rinunciato alla candidatura alle regionali proprio per un posto in lista alle politiche. A ciò si aggiunge la circostanza elle quote rosa. Con la riserva di posti al 40% di donne in liste, qualora fosse arrivata seconda Daniela Cardinale sarebbe comunque stata ripescata, se non con certezza con ogni probabilità. Al contrario, speziale, classificatosi secondo, è fuori dai giochi in quanto la provincia di Caltanissetta poteva aspirare a un solo posto in lista.

Dal comitato elettorale per le primarie parlamentari comunque gettano acqua sul fuoco visto che il vantaggio della deputata uscente di Mussomeli risulta con il conteggio totale dei voti provinciali, compresi i due seggi poi sequestrati. Più staccati gli altri contendenti. Davide Cammarata di San Cataldo ha ottenuto 1024 voti, Elisa Carbone di Mazzarino 966, Giosal Lo Giudice 606 e infine Serena Bertolone 202 voti. A livello territoriale a Caltanissetta i votanti sono stati 675, 2.200 a Gela, 689 a Mussomeli e 448 a San Cataldo.

Se vuoi ascoltare questo servizio clicca qui.

Commenta su Facebook