Prg partecipato, l’ex Giunta Ruvolo: “Incontri con le parti sociali già svolti. Serve un progetto adesso”

248

Nota stampa della precedente amministrazione guidata dal sindaco, Giovanni Ruvolo, in tema di piano regolatore partecipato. 

È iniziato ieri il ciclo di incontri previsti dall’attuale amministrazione per ciò che concerne la revisione del Piano Regolatore Generale del Comune, scaduto nel 2015. La valenza del PRG è strategica nelle linee di indirizzo inerenti lo sviluppo sociale ed economico della città. Per questo motivo il PRG deve essere redatto insieme a tutte le forze politiche, sociali, datoriali, ecc., ovvero gli stakeholders o portatori di interesse della comunità. Per quanto detto, abbiamo proposto alla città pochi mesi fa le nuove linee di indirizzo per la revisione del PRG. Al centro della proposta vi è stata la partecipazione della città. Si sono tenuti, infatti, ben 20 incontri tra i Comitati di quartiere, gli ordini professionali e in generale gli Stakeholders, le consulte comunali e infine le forze politiche, per un totale di più di 50 ore e più di 1.000 cittadini incontrati.

Alla base della redazione delle nuove linee guida, vi è stata una nuova modalità di approccio scientifico alla revisione del PRG attraverso l’ausilio di esperti a titolo gratuito dell’Azienda Sanitaria Provinciale, che hanno tracciato un profilo psicologico dei bisogni e delle necessità dei cittadini espressi in ciascun incontro e attraverso l’organizzazione di un Word Café, con la presenza di un docente universitario di urbanistica della facoltà Unikore di Enna. Le linee guida approvate dalla precedente giunta, quindi, non sono altro che la volontà espressa da tutte le figure a vario titolo incontrate nell’arco di circa un anno. Un PRG partecipativo. Riteniamo, quindi, che l’attuale amministrazione non possa non tener conto di un lavoro redatto sulla base delle volontà espresse direttamente dai comitati di quartiere e quindi dai cittadini, le cui proposte sono state riportate integralmente all’interno delle linee guida approvate. Crediamo, pertanto, che ciò di cui ha bisogno la città non sia un nuovo ciclo di incontri che porti via altro tempo, in quanto i bisogni e le problematiche evidenziate pochi mesi fa non possono essere certamente mutate. Ciò di cui ha urgentemente necessità la città tutta è, invece, una base progettuale avanzata di revisione del PRG, con l’affidamento dell’incarico mediante avviso pubblico ad un pool di professionisti, cosa che la giunta precedente non ha potuto portare avanti per fine mandato, sulla quale confrontarsi a tutti i livelli, con l’obiettivo univoco del contenimento del consumo di suolo, di nuove politiche abitative ed ecosostenibili, per un rilancio economico e sociale della nostra città.

La Giunta Ruvolo

Commenta su Facebook