Prevenzione delle infiltrazioni mafiose. Il Prefetto dispone accesso al cantiere della Ss640

1283

Scattano i controlli della Prefettura per prevenire eventuali infiltrazioni mafiose, e lavoro irregolare, nell’ambito dei lavori per il raddoppio della strada statale 640 (in copertina foto archivio di un cantiere)
S.E. il Prefetto Maria Teresa Cucinotta (3)Il Prefetto, Maria Teresa Cucinotta ha infatti disposto un accesso del “gruppo interforze” costituito da forze dell’Ordine, provveditorato regionale opere pubbliche e Arpa Sicilia, oltreché dalla stessa Prefettura, presso il cantiere “accesso n.26 al chilometro 57,700 della Ss 640 Agrigento – Caltanissetta”.
Si tratta di controlli ai sensi del “Codice Antimafia”, dlgs 159 del 2011 e in particolare all’articolo 93 che prevede tale tipologia di accessi nell’ambito delle attività di prevenzione di condizionamenti mafiosi nei confronti delle imprese a vario titolo impegnate in appalti pubblici.
Generalmente questo tipo di accessi del “gruppo interforze” avviene sulla base di istruttorie già avviate dalle Prefetture e prevede che in seconda battuta possano essere ascoltati gli interessati.
I controlli nel cantiere del raddoppio della Ss640, spiega la Prefettura in una nota, “sono stati diretti a svolgere mirati accertamenti nei confronti di tutti i soggetti che, a qualsiasi titolo, intervengono nella realizzazione dell’opera in corso anche con noli e forniture di beni e servizi, nonché per assicurare il rispetto della normativa in materia di lavoro di sicurezza fisica dei lavoratori, di efficienza e sicurezza nell’esecuzione di lavori e di tutela ambientale”.
Il Protocollo di legalità sottoscritto a marzo del 2012 da Prefettura, Anas e contraente generale “Empedocle 2 Spa” prevede infatti oltre ai controlli per prevenire infiltrazioni mafiose anche tutte le verifiche su lavoro irregolare e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Al termine degli accessi disposti dal Prefetto, il gruppo interforze redige entro trenta giorni la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite. Relazione sulla base della quale il Prefetto deciderà se sussistano, o meno, elementi per emettere un’informativa antimafia interdittiva.
foto Archivio

Commenta su Facebook