Presentata una pregevole raccolta di antiche carte geografiche della Sicilia. Sarà un punto di riferimento per gli studiosi.

1686

Antonio La Gumina, alla rispettabile età di 84 anni, ha portato a termine un’opera assai impegnativa che costituirà certamente un faro per gli appassionati e per i collezionisti di carte geografiche antiche della Sicilia.

Antonio La Gumina autore dell'opera
Antonio La Gumina autore dell’opera

L’isola a tre punte, infatti, è il titolo dell’opera, in tre volumi, che è stata presentata martedì 24 novembre nel salone della Banca del Nisseno. Raccoglie circa 500 carte geografiche della nostra isola a partire dal medioevo a finire all’Unità d’Italia. “Dopo – ci dice l’autore – la cartografia diventa troppo perfetta per avere un fascino”.

Presenti alla manifestazione il Soprintendente ai BB.CC.AA. dr Lorenzo Guzzardi, l’arch. Daniela Vullo, il già presidente dell’ACI nazionale Giuseppe Alessi, il dr Giuseppe Giannone, il presidente del Lions Rino Iannì, il presidente dell’Inner Wheel Giusy Carcuruto Montante, la preside del Liceo Classico R. Settimo Irene Cinzia Collerone e tanti altri personaggi noti tra i quali Salvatore Granata amministratore della Lussografica che ha materialmente stampato l’opera curandone l’elegantissima veste tipografica.

Il presidente della Banca del Nisseno, Giuseppe Di Forti, nel dare il benvenuto ai partecipanti ha detto”stasera non siamo qua per la presentazione di un libro qualsiasi. È un’opera che nasce dalla passione e dal sacrificio di una vita di un uomo, il dr Antonio La Gumina e, almeno per un ventennio, non potrà essere superata”.

Intervista all’autore Antonio La Gumina

Ha presentato, quindi, l’autore accennando al suo ricco curriculum collezionato in Italia e in Francia, soprattutto Parigi,  dove ha rivestito

Il dr Arcangelo Lacagnina e l'editore Salvatore Granata
Il dr Arcangelo Lacagnina e l’editore Salvatore Granata

cariche importantissime. A illustrare con competenza l’opera è stato il prof. Girolamo Cusimano dell’Università di Palermo  che, con molto senso dell’ironia,  ha esordito con una battuta dicendo: ” il prof. Di Forti ha iniziato un ragionamento che, per molti versi, riassume quello che io volevo dire e, penso, anche quello che voleva dire l’autore. Per cui, potremmo anche andare via”.

“Se dovessimo parlare nel dettaglio di quest’opera – ha continuato, riprendendo un tono professionale – avremmo bisogno di un tempo più lungo di quello che un incontro di questo genere presuppone”. Ha quindi parlato dell’autore e ha spiegato da cosa è nata l’idea di questa raccolta cartografica, dell’importanza che ha e che avrà in futuro.

Intervista al prof. Giuseppe Di Forti presidente della Banca del Nisseno

Il prof. Giuseppe Di Forti presidente Banca del Nisseno
Il prof. Giuseppe Di Forti presidente Banca del Nisseno

“Antonio La Gumina – ha detto il relatore – nel suo immane lavoro di raccolta, ha voluto raccontarci la storia di un’isola. In queste carte, vi troviamo tutto ciò che ha animato la vita millenaria di quest’isola”. Poi, citando un’espressione di Leonardo Sciascia, ha detto: “La Sicilia offre la rappresentazione di tanti problemi, di tante contraddizioni non solo italiane ma anche europee al punto di potere costruire la metafora del mondo e possiamo assumere questo brano come punto di partenza del nostro interesse, per leggere la storia attraverso le carte”.

Un argomento che sulle prime poteva apparire serioso, e certamente lo era, ma che la semplicità degli interventi, seppur dotti, lo hanno trasformato in un argomento pieno di fascino, attentamente seguito dal numeroso pubblico.

Un’opera di pregio, dunque, che andrà ad arricchire la biblioteca, ma soprattutto la mente di molti studiosi e appassionati.

 Le foto della serata

Nota della Redazione:

a tutti coloro che volessero scaricare una o più foto pubblicate nell’articolo e/o nella fotogallery seguente, per farne uso pubblico, ricordiamo di citare la fonte “Radio Cl1″                                                                              

Cliccare sulle foto per ingrandirle e salvarle

 

Commenta su Facebook