Preoccupazione della Cgil per la sicurezza dei lavoratori dei settori sanità, igiene ambientale e vigilanza

338

“La notizia del primo decesso per COVID 19 avvenuto nella giornata di ieri al P.O Sant’Elia di Caltanissetta ci obbliga a esprimere grande preoccupazione, a salvaguardia dei lavoratori che sono impegnati nello svolgimento delle attività di soccorso, di socio assistenza, di raccolta e smaltimento dei rifiuti, di pulizia, di vigilanza delle strade ossia tutti coloro che in questi giorni di emergenza sanitaria non possono restare nello loro case e aspettare che tutto torni alla normalità, ma che sono tenuti a svolgere il proprio lavoro a sostegno di tutta la collettività. Ringraziarli per quello che hanno fatto e che continuano a fare quotidianamente è veramente poco le parole non bastano più abbiamo bisogno di concrete certezze che possano dare a tutti quella serenità che meritano. In particolare noi poniamo l’attenzione sui lavoratori della sanità che oggi in prima linea stanno affrontando e affronteranno l’emergenza”. Lo affermano in una nota il segretario generale della Cgil, Ignazio Giudice e il segretario per la Funzione pubblica, Rosanna Moncada.

“Siamo sicuri che tutti loro stiano lavorando in massima sicurezza ma non possiamo astenerci dal chiedere la garanzia che siano stati assicurati adeguati dispositivi di protezione individuale e ogni precauzione cautelativa affinché ognuno di loro venga garantito a poter intraprendere quei percorsi sicuri ed idonei per poter lavorare bene e fornire un adeguato servizio. Vogliamo che anche i lavoratori del terzo settore e dell’ igiene ambientale al pari di tutti gli altri siano messi nella condizione di poter contare sulla distribuzione di DIP adeguati. Assicurarsi che non ci siano eventuali e probabili disapplicazioni delle misure di sicurezza previste dai decreti governativi costituisce per noi la principale esigenza da rispettare. Chiediamo a S.E il Prefetto e ai Sindaci dei Comuni e alla Direzione dell’Asp della provincia di Caltanissetta che in uno sforzo comune garantiscano tutto questo”.

Commenta su Facebook