Preoccupazione della Cgil per i servizi esternalizzati nei Comuni: “Si genera nuovo precariato, gli enti locali assolvano ai loro compiti”

“Assistiamo con preoccupazione al fenomeno delle esternalizzazioni di attività proprie degli enti che sta montando in alcune amministrazioni della provincia di Caltanissetta (Ufficio Tributi Comune di Caltanissetta e Ufficio ragioneria Comune di Vallelunga per esempio), le ragioni di queste scelte, sono ascriviibili secondo le amministrazioni alla carenza generale di personale e in particolare di dipendenti qualificati”. Lo affermano in una nota la segretaria generale della Cgil Caltanissetta Rosanna Moncada e il segretario della Funzione Pubblica Angelo Polizzi.

“Si tratta di in alcuni casi di un vero e proprio smantellamento di servizi essenziali per i cittadini Queste scelte per un verso denotano la totale assenza di programmazione degli enti nel valorizzare e motivare il personale interno, pensiamo alla disapplicazione di istituti contrattuali come le progressioni orizzontali e verticali), la mancata riqualificazione per il personale addetto con corsi di formazione finalizzati al miglioramento della qualità del lavoro e dei servizi erogati, l’assenza di piani di assunzione mirati a colmare questi vuoti di organico. Ma ancora più preoccupante, per la nostra visione del lavoro, è l’ulteriore precarizzazione con un sistema di tutele decrescenti per questi lavoratori che inevitabilmente avviene affidando questi servizi a ditte esterne. In una terra dove stentano a partire le iniziative imprenditoriali quella che sembra una soluzione diventa nel medio e nel lungo termine un problema che va a sommarsi agli innumerevoli che stiamo attraversando”.

Per i due sindacalisti “molte sono le funzioni del lavoro pubblico ma quella di collante sociale in questa fase è probabilmente tra le più importatati, gli enti locali, a nostro parere devono fare ogni sforzo per assolvere questo compito, attraverso una offerta e organizzazione del lavoro stabile e di qualità, ne gioverebbero il lavoratori e i servizi offerti alla cittadinanza. Lo svuotamento di giovani, di energie, di intelligenze delle nostre città richiede interventi immediati, con il PNRR si prospettano davanti a noi opportunità probabilmente irripetibili, coglierle è un dovere assoluto soprattutto dalle amministrazioni locali, le amministrazioni più vicine ai cittadini”.

Commenta su Facebook