Precario il lavoro, precaria la salute… mentale

888

Il lavoro precario pesa sulla salute mentale: aumenta, infatti, sia la probabilità che al lavoratore siano prescritti psicofarmaci, sia il rischio di depressione.
Lo rivela uno studio su circa 2,7 milioni di occupati l’anno tra il 2007 e il 2011 , residenti in Lombardia, seguiti attraverso il monitoraggio delle ricette mediche a loro nome (compilate da medico di base, studio specialistico, ospedale). Lo studio – i cui risultati sono stati anticipati all’ANSA – è stato condotto da Giorgio Vittadini, dell’Università di Milano Bicocca, e Francesco Moscone ed Elisa Tosetti, presso la Brunei University di Londra.
E’ emersa dunque una relazione di causa-effetto tra precarietà e aumento di prescrizioni di psicofarmaci, oltre a un aumento correlato dei casi di depressione. l risultati indicano che avere un contratto temporaneo, così come frequenti cambiamenti di contratto nell’arco dell’anno, aumenta la probabilità di assumere psicofarmaci (antidepressivi, ansiolitici, stabilizzatori dell’umore etc) e accresce il rischio di ammalarsi di depressione. “Un precario – spiega Moscone – ha una probabilità dello 0,6% maggiore di ricevere una ricetta per psicofarmaci; sembra un numero basso, ma l’entità dell’impatto della precarietà sulla salute mentale è notevole. Se le persone con contratto temporaneo aumentano di circa 1’8-10%, allora il numero di depressi cresce de11’1% tra i giovani (18-34 annO, del 2,3% tra i 35-49enni, dello 0,8% tra 50enni e over-50”

Commenta su Facebook