Precari Asp, da commissione Sanità invito a manager: "li proroghi"

786

La sesta Commissione (Sanità), presieduta dalla consigliera Rita Daniele e composta da Calogero Bellavia, Francesco Dolce, Walter Dorato, Alessandro Maira, Luigi Romano e Rosalinda Talluto, mercoledì scorso ha incontrato il Comitato dei lavoratori precari dell’Asp di Caltanissetta, per verificare la situazione occupazionale e conoscere lo stato dell’arte dei rinnovi contrattuali. A recarsi a Palazzo del Carmine per illustrare ai componenti della sesta Commissione la situazione del precariato all’interno dell’Asp sono stati: Marcello Di Dio, Maria Letizia Tambè, Giuseppe Cavaleri e Angela Turone.
Una problematica che coinvolge un centinaio di lavoratori, principalmente infermieri e ausiliari, che da più di tre anni vivono questo stato di incertezza perenne. Quaranta di questi lavoratori hanno il contratto che scade il 30 giugno prossimo, mentre per gli altri la scadenza è fissata al 31 dicembre di quest’anno e al 30 giugno del 2016.
 Marcello Di Dio, in rappresentanza del Comitato dei lavoratori precari dell’Asp, ha comunicato ai componenti della sesta Commissione che è già stato chiesto al Direttore Generale dell’Asp di provvedere alla proroga, iniziando dai contratti prossimi alla scadenza. Ma, nonostante la disponibilità e la condivisione del problema da parte dei vertici dell’Asp, ad oggi nulla è stato fatto.
A quanto sembra la difficoltà è dovuta ad una situazione di stallo regionale, anche se alcune circolari dell’Assessorato alla Sanità siciliano, in particolare la direttiva n. 51465 del 24 giugno 2014, permetterebbero le proroghe dei contratti fino al 31 giugno del 2018.
 
I componenti della sesta Commissione, dopo avere espresso la loro piena solidarietà ai lavoratori precari dell’Asp di Caltanissetta, hanno comunicato loro che si faranno carico del problema e che lo porteranno in discussione nella prossima seduta straordinaria del Consiglio Comunale, già fissato per il prossimo 22 giugno, dove si parlerà per l’appunto di sanità.  

Commenta su Facebook