Plateale protesta al Cpr di Pian del Lago per evitare i rimpatri. Bruciati vestiti, nessun danno alla struttura

1225

Alcuni immigrati trattenuti nel Cpr, centro per i rimpatri di Pian del Lago hanno dato fuoco a vestiti e biancheria per protestare contro il loro imminente rimpatrio coattivo. A differenza di quanto riportato dall’Ansa la protesta non riguardava i tempi d’attesa (per il riconoscimento dello status di rifugiato politico, ndr.) e dunque non è stata messa in atto da richiedenti asilo ospiti del Cara, come confermato dalla Questura di Caltanissetta.

Il danneggiamento, avvenuto poco prima della mezzanotte di ieri, è stato comunque molto limitato. Due o al massimo tre ospiti della struttura, infatti, hanno provato a dare fuoco ad alcuni materassi senza riuscire nel loro intento poiché a seguito di precedenti episodi del genere avvenuti in passato, tutto il materiale di cui è dotata la struttura è ignifugo, compresi i materassi. Il risultato è stato un muro annerito e nessun altro danno. I luoghi sono stati già ripristinati dallo stesso personale della cooperativa Auxilium che gestisce il centro. Solo fumo e nessun danno a cose e persone.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco assieme al personale di servizio e alle forze dell’ordine. La situazione stamattina è tornata alla normalità, ma sono in corso indagini per risalire ai responsabili che si sono dilegauti in altri padiglioni della struttura.

Commenta su Facebook