“Pinuccio storia di un carusu”. A Delia mercoledì sera nell’aula consiliare

913

“Pinuccio storia di un carusu” lo spettacolo teatrale di Aldo Rapè sarà rappresentato a Delia mercoledì 25 gennaio, alle ore 19,30, presso l’aula consiliare del comune.

<<Abbiamo dato il patrocinio ad un evento culturalmente e socialmente importante, capace di promuovere una profonda riflessione sulla nostra storia passata – ha detto il sindaco Gianfilippo Bancheri. Una storia che ha radici profonde anche nel nostro territorio. Anche Delia ha avuto i suoi “carusi” sfruttati e costretti a lavorare come schiavi per un pezzo di pane. E’ un nostro preciso dovere quindi non dimenticare tutto ciò>>.

“Pinuccio è la storia di uno dei tanti, forse troppi, bambini che hanno lavorato nelle miniere di mezza Sicilia – si legge nella scheda di presentazione dell’evento. E’ la storia di una città, Caltanissetta, capitale mondiale dello zolfo. E’ la storia del riscatto di un’isola, la Sicilia…”.

Lo spettacolo teatrale verrà messo in scena gratuitamente dall’Associazione Culturale Teatrale Prima Quinta per commemorare la tragedia di Gessolungo avvenuta il 12 novembre 1881.

“Tre chilometri ci sono per la miniera di Gessolungo, a Caltanissetta. Peppino ha solo tre chilometri per non essere più un bambino. A otto anni, Peppino ha solo tre chilometri per diventare grande, per non essere cchiu un picciriddu ma diventare un Carusu. Uno dei tanti Carusi di Miniera”.

<<Pinuccio … – ha detto da parte sua l’assessora alla Cultura, Piera Alaimo – si colloca in maniera sinergica nell’ambito della programmazione socio culturale di questa amministrazione che riserva una particolare cura a quegli eventi che hanno una rilevanza culturale e sociale per la comunità. L’opera di Aldo Rapè è un’occasione unica per ricordare il sacrificio dei minatori e riflettere su quei tragici e dolorosi momenti>>.

Commenta su Facebook