#PiazzaAcolori, la collettiva spontanea che colorerà gli spazi "mancanti"

1948


Dal link di you tube vi proponiamo il video e l’iniziativa che trovate sulla fanpage di Facebook dedicata. Il video è realizzato da Aurelab digital studio
Una manifestazione spontanea, nata da un post su Facebook in un cui si proponeva ad artisti, amatori ed imbrattatori, di organizzarsi e riunirsi in Corso Vittorio Emanuele, in un giorno prestabilito, per realizzare un’estemporanea d’arte. Da un semplice gioco, però, è emerso un bisogno, condiviso dai molti che hanno già manifestato interesse a prendere parte all’iniziativa, di riunirsi in gruppo non solo per dipingere an plein air e mettere in mostra i propri lavori, ma per godere con attività spontanee del centro cittadino appena riconsegnato alla città dopo il suo restauro. Ecco perché, nei giorni 9 e 10 maggio, dalle ore 17 alle 21.00, Corso Vittorio Emanuele diventerà un’officina d’arte a cielo aperto, in cui gli artisti coinvolti potranno esprimersi attraverso la propria arte e confrontarsi con il pubblico.
#piazzAcolori è un’azione spontanea di riappropriazione dal basso degli spazi cittadini e coinvolge direttamente tutte quelle persone che, stanche di sentire lamentele, sentono il bisogno di riprendersi il meglio dalla propria città.
In poco meno di un mese dall’inizio di questa avventura, è stata confermata la partecipazione di più di una ventina di artisti, tra pittori e fotografi, ma viste le numerose manifestazioni d’interesse che continuano ad arrivare, il numero è in crescita. Oggi, infatti, vi presentiamo un’idea che è ancora in fase di elaborazione, proprio perché vogliamo che chiunque abbia voglia di contribuire alla sua crescita sia libero di farlo. Lo spirito di spontaneità e limpidezza d’intenti con cui è nata #piazzAcolori (e che ci auguriamo resti tale) è quello dettato dal bisogno di aggregazione tra semplici persone, che vogliono proporsi con arti, competenze e capacità, e quindi realizzare cose buone e positive per alzare la qualità di vita della città che abitano. Non pensiamo di certo che con quest’azione si possa cambiare tutto ciò che di “sbagliato” o di “mancante” ci sia, ma crediamo che soddisfare innanzitutto le proprie esigenze artistiche, colorando il Corso con arte ed allegria, possa cambiare almeno per due giorni il nostro modo di rapportarci nei confronti della nostra stessa città.
Durante i pomeriggi primaverili del 9 e del 10 maggio riscoprite quindi il piacere di passeggiare fra i negozi del centro storico di Caltanissetta nella fattispecie di Corso Vittorio Emanuele, lasciandovi accompagnare dalla musica di sottofondo, e scoprendo che non servono occhi nuovi per amare la propria città.

Commenta su Facebook