Piano amianto, il sindaco di Mussomeli in audizione all’Ars. “Ribadirò il mio no alla miniera Bosco”

114

Audizione all’Ars martedì mattina per il sindaco di Mussomeli, Giuseppe Catania, a seguito di specifica richiesta inoltrata dal primo cittadino il 30 ottobre scorso alla IV Commissione Ambiente.

“Ribadirò il mio No all’individuazione del sito della miniera Bosco come per lo stoccaggio dell’amianto, così come individuato dal piano redatto dalla protezione civile regionale”, anticipa Catania prima di entrare in commissione.

Un parere contrario supportato da diverse motivazioni che il primo cittadino elenca. “Gran parte dell’area dove insiste il sito è classificata nel piano assetto idrogeologico approvato dalla stessa Regione ad alto rischio (R4) e ad alta pericolosità (P4) e dunque non idoneo. Il sito è già oggetto di apposito finanziamento per bonifica da parte dell’assessorato energia ed è già interessato da una gara per il rilascio di apposita concessione pluriennale finalizzata all’estrazione di sale. L’area in cui insiste il sito – prosegue il sindaco di Mussomeli – è già al centro delle attenzioni per l’alta incidenza tumorale, cosi come rilevato dal registro dei tumori di Ragusa; il sito rientra in un area in cui con grande fatica si sta costruendo una progettualità che coinvolge 130 comuni, legata all’avvio del primo parco mondiale dello stile di vita mediterraneo a cui la stessa Regione Siciliana ha già aderito”.

Queste ragioni secondo Catania “rendono assolutamente inidonea l’individuazione del sito miniere Bosco come sito di stoccaggio amianto. La mia posizione (supportata dal mandato di tutti i consiglieri comunali), unitamente alla posizione dei miei colleghi del vallone, sarà dunque netta e chiara: NO all’individuazione di miniere Bosco come sito stoccaggio, SI alla bonifica della stessa miniera”.

Commenta su Facebook