Pesistica. Quinto titolo italiano per Scarantino. Pagliaro e Giganti in campo femminile

888

Spettacolo di forza e potenza al PalaPellicone di Ostia (RM) dove nel week end si sono svolte le Finali Nazionali Seniores Maschili e Femminili di Pesistica Olimpica. Mirco Scarantino si conferma al top conquistando il suo quinto titolo italiano consecutivo, questa volta nella 62 kg, una categoria diversa dalla sua solita 56 kg, quella che lo ha visto protagonista a Rio, vincitore sul palcoscenico europeo nel 2016 e lo vedrà nuovamente in scena a Spalato ad aprile. L’atleta delle Fiamme Oro si è esibito in un 122 di strappo, 148 di slancio per un totale di 270.

 

Conferme e record in campo femminile. La piccola grande Alessandra Pagliaro si impone nella 48 kg, davanti a Eva Giganti e a Nicole Mannironi; Giorgia Russo è regina della 53 kg, mentre Jennifer Lombardo alza senza contrasti la coppa nella 58 kg; nella 63 la grinta di Grazia Alemanno surclassa le concorrenti, Pizzolato e Maule. Nella 69, dietro la Bordignon, Alessia Durante si esibisce in uno show di record juniores: 82 di strappo, 108 di slancio e 190 di totale. Nella 75 kg Carlotta Brunelli batte il decennale primato italiano assoluto con 113 kg sollevati: per lei 96 kg di strappo per un totale di 209. Battaglia anche nell’ultima categoria della +75, dove ha trionfato la giovane Annachiara Cataldo: la salentina si è aggiudicata tre ori, con 82 di strappo, 105 di slancio e 187 di totale.

In campo maschile avvincente la gara della 56 kg che ha visto trionfare il giovane sardo Giuseppe Secchi con un totale di 204. Già sotto i riflettori azzurri il campione della 69 kg, Mirko Zanni, mentre a scrivere prepotentemente il suo nome nella storia della pesistica italiana è Salvatore Esposito: il giovane toscano, neofita della disciplina, non solo ha primeggiato nella sua categoria, la 77 kg, ma ha anche stabilito i nuovi record juniores di strappo e di slancio con 133 kg e 166 kg. La 94 kg se l’è aggiudicata a mani basse Matteo Curcuruto, mentre avvincenti le ultime due gare della 105 e la +105: nella prima si è imposto Mauro Gasparotto con 310, mentre nella seconda ha trionfato Federico Moriconi con un poderoso 340, nonostante il record juniores di Vinci con 329.

 

Commenta su Facebook