“Personale interno dell’Asp penalizzato”, la Fials chiede progressioni verticali e concorsi

Personale interno dell’Asp di Caltanissetta penalizzato e privo di possibilità di fare carriera. Lo sostiene la Fials che in una nota a firma del segretario territoriale Giacchino Zuppardo “l’attivazione delle  progressioni verticali  riguardanti  tutte le categorie del  comparto  in servizio a tempo indeterminato e nello specifico A, B, C e D, ruolo sanitario, tecnico e amministrativo”. La Fials chiede inoltre l’indizione di nuovi  concorsi “al fine di salvaguardare le normali e comprensibili aspirazioni di crescita professionale, sulla base dei posti previsti e disponibili nella dotazione organica vigente, nel rispetto del  principio dell’adeguato accesso alle progressioni verticali riguardanti una categoria che merita e   rivendica la propria dignità di lavoratori e la consequenziale valorizzazione sostanziale e giuridica  all’interno dell’azienda”.
Il sindacato ricorda “il contributo profuso da parte  dei dipendenti del ruolo amministrativo e tecnico  dell’area comparto durante la pandemia”, che hanno  visto accrescere la complessità dei propri compiti  e si sono adeguati con non pochi sacrifici  ai nuovi standard quantitativi e qualitativi  che le circostanze anzidette hanno richiesto, spesso con funzioni di raccordo tra amministrazione e amministrati. Eppure hanno subito una disparità di trattamento che ormai da anni si concretizza nell’applicazione degli istituti  tra categorie di lavoratori presenti e in servizio”. Da qui la richiesta di attivare le procedure per le progressioni economiche orizzontali che consentirebbero di garantire avanzamenti economici al personale.
Commenta su Facebook