Perseguita l'ex, arresto per stalking per il nisseno Davide Virgone

VIRGONE DAVIDEI Carabinieri della stazione di Caltanissetta, a conclusione di accurate indagini, hanno arrestato il pregiudicato nisseno Virgone Davide cl. 1976, raggiunto da un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal G.i.p. Del Tribunale di Caltanissetta, ritenuto colpevole del reato di atti persecutori (art. 612 bis c.p.).

Un incubo che durava da mesi, fatto di pedinamenti, minacce, offese e telefonate moleste. Il dramma per una donna di Caltanissetta è finito, dopo che l’ex convivente è stato arrestato.

L’uomo, alcuni mesi addietro, è improvvisamente diventato molestatore, perseguitando la ex perchè non voleva rassegnarsi alla fine della loro relazione.

Le denunce sporte dalla vittima, tutte puntualmente riscontrate dai carabinieri della stazione del capoluogo, attraverso una minuziosa serie di accertamenti, una volta compendiate in una dettagliata informativa trasmessa alla locale procura della repubblica, hanno determinato l’emissione del provvedimento restrittivo nei confronti dello stalker.

La situazione stava infatti degenerando con risvolti preoccupanti e pericolosi per l’incolumita’ anche fisica della denunciante, considerato che il molestatore era passato alle vie di fatto arrivando a danneggiare la carrozzeria dell’auto della ex e persino a forarne i pneumatici con un coltello.

L’ammonimento irrogatogli qualche mese fa, affinche’ questi lasciasse in pace la donna, non era servito: l’uomo non solo reiterava la sua condotta illecita ma inaspriva gli atti di violenza psicologica attuati nei confronti della vittima, minacciandola ripetutamente anche di morte.

Nella notte tra giovedì e venerdì, Davide Virgone, accusato di atti persecutori e danneggiamento, veniva prelevato dalla propria abitazione e condotto nella caserma dei Carabinieri di viale regina margherita, dove veniva dichiarato in arresto e subito tradotto presso la casa circondariale di Caltanissetta, dove nei prossimi giorni sara’ interrogato.

Commenta su Facebook