“Periferie al centro”. La Carovana Antimafia fa tappa a San Cataldo

636

Continua il viaggio della Carovana Internazionale Antimafie promossa da Arci, Libera, Avviso Pubblico, Cgil, Cisl e Uil, per la seconda parte del viaggio dell’edizione 2015. “Le periferie al centro” è il tema prescelto per il viaggio di quest’anno: la Carovana ha scelto di entrare nelle periferie dove forti sono le spinte all’illegalità, per supportare le realtà positive che in questi contesti fanno quotidianamente resistenza. Le periferie del nostro paese rappresentano infatti quei fili attraverso i quali si può riannodare la società “spezzata” .

Questo il programma di Martedi 22 settembre

San Cataldo piazza San Giuseppe

ore 9.00 arrivo della Carovana ed incontro con gli studenti delle scuole di San Cataldo di ogni ordine e grado.

In programma interventi di alcuni studenti e di un giovane migrante pachistano, ospite di uno Sprar, che leggerà una poesia in lingua madre composta da lui;

ore 9.30 le studentesse e gli studenti di San Cataldo coloreranno lo striscione della legalità;

ore 10.30 saluti delle Autorità e interventi degli organizzatori

ore 11.00 I Pupi di Surfaro in concerto

La tappa della Carovana si inserisce all’interno di un percorso di riscoperta del centro storico di San Cataldo, realizzato nel corso dei mesi estivi dal Circolo AttivArcinsieme e da associazioni e comitati locali. L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione delle Istituzioni sulle condizioni di degrado in cui versano i centri storici, spesso abbandonati dai residenti e divenuti sempre più “periferie” sociali dove vivono migranti ed anziani. I centri storici, invece, rappresentano la memoria storica del territorio ed un patrimonio urbanistico da tutelare e valorizzare per rilanciare lo sviluppo locale

ore 16.30 presso la sede del circolo Attivarcinsieme (un bene confiscato) la Carovana incontrerà le Associazioni ed i Comitati impegnati per la salvaguardia del bosco di contrada Gabbara, interessato da un’opera di disboscamento comune per alimentare la centrale a bio masse del Dittaino.

Commenta su Facebook