Perdonato dalla compagna continua con le percosse. Ai domiciliari un 42enne di Vallelunga Pratameno

349

I Carabinieri della stazione di Vallelunga Pratameno hanno eseguito un’ordinanza cautelare degli arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Caltanissetta nei confronti di un quarantaduenne per i delitti di maltrattamento in famiglia e lesioni personali in danno della propria compagna, con condotte permanenti risalenti all’anno 2017.

Il provvedimento restrittivo emesso dall’Autorità Giudiziaria nei confronti dell’uomo, operaio originario di Vallelunga Pratameno, scaturisce da un intervento eseguito nel mese di settembre 2019 dai militari della locale Stazione Carabinieri, i quali, allertati dall’ufficio socio-assistenzale del Comune, hanno avviato gli approfondimenti investigativi sotto l’attenta direzione della Procura della Repubblica di Caltanissetta. E’ stato così ricostruito il quadro accusatorio nei confronti dell’indagato, riuscendo peraltro ad intervenire in una precisa circostanza, citata dal giudice nel provvedimento tra i capi di imputazione. Nell’episodio in questione la donna venne soccorsa e accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Mussomeli, con escoriazioni ed ematomi e giudicata guaribile in cinque giorni. La vittima decise di non proporre querela nei confronti del compagno accettando tuttavia di trasferirsi in una casa protetta in località segreta per donne vittime di violenza. “Il provvedimento eseguito nei confronti dell’indagato dimostra la puntuale sinergia tra istituzioni, ed il corretto funzionamento della macchina operativa deputata a contrastare gravi fenomeni come questi”, spiegano i Carabinieri in una nota.

Ad accelerare la decisione dell’Autorità Giudiziaria nell’emettere il provvedimento restrittivo nei confronti dell’indagato, è stato il verificarsi di un ulteriore evento di violenza di cui l’uomo si è reso ancora una volta responsabile ai danni della compagna e verificatosi lo scorso mese di gennaio, a distanza di poco tempo dalla decisione della donna di perdonare il proprio compagno e far rientro tra le mura domestiche.

Commenta su Facebook