Passaporto falso, arrestato Pakistano all’aeroporto di Palermo. A Pian del Lago gli avevano negato il permesso

756

Stava per imbarcarsi sul volo Palermo-Parigi con un passaporto falso. Un tentativo andato in fumo quello di un pakistano di 25 anni arrestato dalla polizia nell’ambito dei controlli antiterrorismo nel capoluogo palermitano. Un’attività intensificata dopo le stragi in Francia.

Al Falcone-Borsellino di Punta Raisi Aslam Temour è finito in manette: i poliziotti della Digos che in abiti civili sorvegliano l’area, insieme al personale della Frontiera aerea, hanno intercettato l’extracomunitario nella zona dedicata alle partenze, l’uomo stava per prendere il volo con destinazione “Parigi Orly”. Sono così stati effettuati numerosi accertamenti sul suo conto: in base a quanto emerso, il 25enne avrebbe più volta utilizzato false identità. A partire dal 2011, infatti, Temour è riuscito a superare i controlli italiani ed esteri facendo la spola tra l’Italia e la Francia.

Quattro anni fa, attraverso la frontiera di Ventimiglia, è risultato “riammesso passivamente” in Italia e destinatario di un provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Imperia. E’ tornato in Sicilia lo scorso settembre, quando è arrivato a Catania dalla Francia per chiedere asilo politico, pochi mesi prima negato al centro di Pian del Lago a Caltanissetta. Secondo la polizia, a questo punto, il pakistano avrebbe tentato di tornare in Francia. E’ stato arrestato per possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, ma le indagini per accertare gli spostamenti del 25enne in questi anni sono in corso.

Commenta su Facebook