Pasqua sotto sgombero per le famiglie di via Puccini. Pubblicata l’ordinanza 15 giorni di tempo per lasciare le abitazioni

1303

Non c’era più tempo da perdere, il rischio di un collasso delle strutture obbligava a un’ordinanza di sgombero non più rinviabile

E’ stata pubblicata sull’albo pretorio del Comune di Caltanissetta l’ordinanza di sgombero delle palazzine Iacp di via Puccini ai numeri civici 3, 4, 5, 10, 16 e 22, riguardante 64 nuclei familiari che dovranno sgombrare le case entro 15 giorni a partire da ieri, data di pubblicazione dell’ordinanza.

Più che di uno sgombero, a giudicare dalle parole contenute nella relazione che lo Iacp ha trasmesso al Sindaco, Giovanni Ruvolo che ha poi emesso l’ordinanza, si tratta di una vera e propria evacuazione. “Tale situazione – si legge nell’ordinanza – può esporre gli immobili a meccanismi di collasso improvviso”. Palazzi che sono dichiarati ormai inagibili e per i quali era necessario un provvedimento d’urgenza “in deroga alle previsioni della Legge regionale n.10/91 come modificata con L.r. 17 del 2004”.

I lavori in somma urgenza avviati un anno fa dallo Iacp per “l’installazione di opere provvisionali atte alla messa in sicurezza degli edifici”, infatti, “costituivano presidio di sicurezza” temporaneo e comunque in attesa di successivi lavori di consolidamento. Ma nel frattempo i tecnici dell’Istituto autonomo case popolari hanno evidenziato, a marzo 2017, “un avanzata e diffusa configurazione di degrado strutturale e un peggioramento dello stato di conservazione degli immobili caratterizzati localmente da inidonee carenti sovrastrutture e finiture che non garantiscono un’adeguata protezione degli elementi strutturali già danneggiati”.

Adesso è corsa contro il tempo per trovare una sistemazione alle 64 famiglie. Il Comune si farà carico di una sistemazione temporanea per un anno, con un contributo affitto per traslocare in altre case in attesa che lo Iacp reperisca sul mercato immobiliare altrettante abitazioni da assegnare alle famiglie evacuate.

Commenta su Facebook