Partecipazione democratica. Pastorello: "regolamento strumento concreto per realizzarla"

870

Come anticipato nei giorni scorsi, è stato approvato dalla giunta guidata dal sindaco Giovanni Ruvolo, il regolamento sulla “Partecipazione Civica” che, come indicato all’articolo uno, intende contribuire a rafforzare la democrazia e le sue Istituzioni introducendo forme e strumenti di democrazia partecipativa; promuovere la partecipazione come forma ordinaria di amministrazione comunale; rafforzare, attraverso la partecipazione dei cittadini, la capacità progettuale e i processi di attuazione delle politiche locali; contribuire ad una più elevata coesione sociale, praticando i principi di sussidiarietà e di solidarietà; favorire l’inclusione dei soggetti deboli e l’emersione di interessi diffusi o scarsamente rappresentati; valorizzare le competenze dei cittadini e le professionalità presenti nella società organizzata.
La Delibera del Regolamento, approvata dalla Giunta il 22 giugno, proseguirà il suo iter in prima Commissione e in Consiglio comunale per eventuali modifiche e la definitiva approvazione.
Leggi qui il regolamento
«Con grande soddisfazione ho avuto l’onore di presentare alla Giunta comunale la bozza del Regolamento sulla “Partecipazione Democratica”» ha dichiarato l’assessore Boris Pastorello subito dopo l’approvazione del documento. «Il modello di amministrazione partecipata è la carta di identità di questa Amministrazione e sono certo – ha proseguito Pastorello – che la Commissione Consiliare, prima, e il Consiglio comunale, soprattutto, condivideranno ed approveranno questo nuovo modo di intendere l’Amministrazione della città. La sua elaborazione è stata il frutto di un percorso civico di condivisione e consentirà l’adozione della democrazia partecipativa a fianco di quella rappresentativa. Per realizzare concretamente la “partecipazione democratica” – ha continuato l’Assessore – occorrerà predisporre forme e strumenti di raccordo tra l’Amministrazione comunale e la società civile, in modo da garantire l’inclusività nei processi di gestione del territorio. Il fiore all’occhiello del Regolamento è il “Bilancio partecipativo” grazie al quale saranno i cittadini a destinare una quota (indicata anno per anno) del bilancio comunale per l’attuazione delle proposte avanzate dagli stessi. Auspico – ha concluso l’assessore Pastorello – che l’iter amministrativo consenta una rapida approvazione del Regolamento mettendomi, si d’ora, a disposizione della Commissione Consiliare competente per fornire tutti i chiarimenti e le specificazioni necessarie per giungere, in breve tempo, in Consiglio Comunale. Con la sua approvazione Caltanissetta, con Bologna e Parma, sarà uno dei pochi capoluoghi di provincia con questo modello di Amministrazione partecipata».

Commenta su Facebook