Parcheggi riservati ai disabili, tempi duri per i furbetti. Intervengono le Forze dell’Ordine 

1190

Da anni la nostra emittente conduce una battaglia volta a scoraggiare i cosiddetti furbetti del parcheggio riservato ai disabili. Certo, ci rendiamo conto che arrivare al supermercato e trovare il parcheggio pieno significa dover perdere qualche minuto, non di più, in attesa che si liberi un posto. Ma non tutti sono disposti a “perdere questo tempo” e approfittano della disponibilità dei parcheggi riservati ai disabili per potere parcheggiare immediatamente.

Spyder che occupa un posto riservato

Più di una volta abbiamo pubblicato le foto di questi abusi, oscurando le targhe delle vetture, nella speranza di sortire qualche risultato. Abbiamo pubblicato anche l’art. 2 del Codice della Strada che stabilisce quanto segue:

“…se la strada privata ha comunque un utilizzo pubblico i veicoli ivi circolanti – e nella “circolazione” va ricompresa in questo caso anche la sosta – devono rispettare le norme del codice della strada”.  

A parte pubblichiamo la norma completa con le sentenze della Cassazione.
Tale norma, inequivocabile, autorizza le Forze dell’Ordine a intervenire per sanzionare coloro che, incuranti delle esigenze dei disabili, cercano soltanto la propria comodità.

Intervista al direttore del Carrefour di via d’Acquisto, sig. Andrea Boccadutri

Stamattina, finalmente , con grande compiacimento di chi scrive, dal box della Direzione del supermercato Carrefour di via Salvo D’Acquisto, partiva un invito a spostare l’auto, senza contrassegno,  parcheggiata nel posto riservato ai disabili. La vettura viene spostata e dopo qualche minuto un’altra auto sostituisce la prima parcheggiando addirittura in diagonale e occupando entrambi i posti delimitati  dalle strisce gialle.

Invito a spostare la vettura parcheggiata abusivamente

Finalmente arriva una signora che a malincuore  sposta la macchina. Al che il direttore del punto vendita, Andrea Boccadutri, visto che chi scrive ha sempre manifestato vivo disappunto per  questi incivili comportamenti, tiene a precisare che da un po’ di tempo a questa parte, Polizia Municipale e Polizia di Stato, intervengono. Addirittura La Polizia Municipale, un pomeriggio, è intervenuta con lo Street Control. E ancora, un poliziotto ha fatto presente che farà una “capatina” non soltanto tutte le volte che sarà in servizio ma anche, previa telefonata, quando sarà libero.

Clicca sul link sottostante per leggere la norma con le sentenze della Cassazione

Art. 2 Codice della strada

Un plauso, quindi, alle Forze dell’Ordine nella speranza che il loro intervento costituisca  un deterrente a questo mal costume riscontrabile non soltanto in tutti i supermercati ma in tutti i luoghi dove sono previsti parcheggi per disabili.

Commenta su Facebook