Pagano (Ncd): “Onestà e trasparenza? bene Modaffari, noi ne siamo stati esempio”

1043

Alessandro Pagano“A Giampiero Modaffari l’augurio di buon lavoro sia a titolo personale che come coordinatore del Nuovo Centro Destra”.

Comincia così il messaggio che l’On. Alessandro Pagano ha voluto scrivere alla città in occasione dell’insediamento del nuovosindaco di San Cataldo.

“San Cataldo ha scelto, e noi che le scelte del popolo le rispettiamo davvero, prendiamo atto che la città ha voluto dare fiducia ad un indubbio protagonista della vita politica sancataldese degli ultimi 16 anni. A tanto ammontano gli anni che vedono Giampiero Modaffari calcare la scena politica”.

“16 anni fa – ricorda Pagano di Modaffari – rivestì il ruolo di Presidente del Consiglio senza che, fino a quel momento avesse maturato alcun merito visto che era alla prima esperienza politica e visto che era preceduto da altri colleghi più suffragati di lui. Dico ciò perche “delle scelte calate dall’alto”, per usare una frase tanto abusata in passato dall’attuale sindaco ne ha giovato l’intera città e lui per primo considerato che fino ad allora egli non aveva mai avuto con me rapporti nè personali né politici”.

“La nostra azione politica ha sempre avuto un fine: il bene della nostra collettività. E tutto questo svolto con assoluta onestà e trasparenza. Leggo che il Sindaco vuole operare in uguale maniera. In questo le nostre azioni politiche passate e presenti non temono alcun confronto. Anzi ! Siamo stati esempio di onestà e trasparenza per tutti e quindi godo nel sapere che Modaffari vorrà fare altrettanto”.

“Intendiamo la politica come Missione, che qualcuno  ci creda o meno”, prosegue Pagano.

“Opereremo con uguale entusiasmo e altruismo anche all’opposizione. Nessuno si attenda inciuci o sdolcinature con l’attuale Amministrazione. Ho educato orgogliosamente i miei figli in maniera”spartana” e come diceva Leonardo Sciascia rifiutando qualsiasi “annacatura”. E come per loro anche per i miei concittadini ho utilizzato lo stesso metodo educativo, con il risultato di una fiducia e di un amore ricambiato”.

“Dopo i nostri anni di buon governo abbiamo consegnato una città con qualità di servizi al livello del Nord Italia e un numero di opere pubbliche di città del Nord Europa”.

“Adesso dopo un “fermo” di 2 anni c’è da ricostruire tanto e non invidio il Sindaco Modaffari che dovrà ridare lustro a tutte le opere abbandonate (Palazzetto dello Sport Maira e Teatro Marconi in primis) e rimettere mano ai servizi nel frattempo diventati scadenti”.

“Certamente non seguiremo l’esempio che ha  dato l’opposizione (Modaffari compreso) ai tempi in cui governavamo. Le gazzarre organizzate in maniera vergognosa non saranno mai nel nostro stile. Anche qui spiegheremo che si può fare opposizione ferma ma civile. Le aggressioni verbali e le invettive personali dai palchi, dalle gradinate del consiglio comunale, dai giornali e dai giornaletti hanno lasciato ferite che solo il tempo potrà rimarginare”.

“Per anni abbiamo spiegato come si governa una città e ora per qualche anno (opera già iniziata nel precedente consiglio comunale in maniera encomiabile da Giuseppe Scarlata e da Vincenzo Naro) spiegheremo come si fa vera opposizione.

E oggi comincio con 2 esempi: lavoro da anni per il Contratto di quartiere Santa Fara che sarà il fiore all’occhiello della nuova San Cataldo. Il finanziamento di 5 milioni di euro è ok, la progettualità è all’avanguardia, anche la burocrazia è stata sconfitta grazie al lavoro che con il Ministro Lupi abbiamo fatto e che ho documentato sui giornali nei mesi scorsi.

Il Sindaco ora deve dare subito incarico all’Ing.Iannello di firmare l’ultimo atto al Ministero delle Infrastrutture.

Io ovviamente conosco l’iter e il Ministero e sono a sua disposizione.

Idem con le Permute Territoriali.  5 anni di lavoro sono andati a buon fine grazie  al lavoro svolto con l’Agenzia del Territorio tra il sottoscritto e i dirigenti romani ( onore al merito anche dell’Ing.Iannello e  del Dott. Cirrito risultati indispensabili).

Manca l’ultima Conferenza di Servizi con l’Agenzia del Territorio nissena e poi una ingiustizia durata 25 anni cesserà. Anche in questo caso sono a disposizione per risolvere eventuali intoppi.

Come si vede opposizione ferma, ma  serena e senza pregiudizi. Il benessere dei nostri concittadini esige solo questo, nell’attesa di ritornare alla guida di San Cataldo”. Così conclude il deputato Alessandro Pagano, Coordinatore Nuovo Centro Destra.

Commenta su Facebook