Paesaggi di mezzo, costituita l’associazione. Si parte con il tour del grano a fine giugno

263

Paesaggi di Mezzo vuole raccontare oggi, meglio e più di prima, quanto di bello c’è nelle aree interne della Sicilia centrale; fare vivere i colori, i profumi, il cibo, le sonorità, le bellezze e i tesori presenti nell’areale d’incontro delle tre antiche valli siciliane (Val di Mazzara, Val di Noto e Val Demone); fare conoscere luoghi meno rinomati, ma densi di storie e tradizioni.

Questo territorio, prevalentemente collinare, è infatti ricco di beni culturali ed ambientali, ed è tutto da scoprire e valorizzare (siti archeologici, siti minerari di zolfo e di sali, siti e sentieri naturalistici unici, masserie, borghi, aziende agro-alimentari e prodotti eno-gastronomici di grande qualità, etc.).

Chi visita le terre dei Paesaggi di Mezzo rimane affascinato e stupito di scoprire un interno della Sicilia così ricco di storia, cultura e tradizioni, che PdM farà conoscere in termini narrativi, emozionali ed esperienziali.

PdM nasce dall’impulso di tre persone che si sono occupate, negli ultimi vent’anni, da un diverso punto di vista, di valorizzazione e promozione delle tante ricchezze del nostro territorio: Ivo Cigna come Dirigente di Legambiente, Fabio Di Francesco come Dirigente di Slow Food ed Alfonso Zagarella come General Manager nel mondo dell’ospitalità. Fanno parte dei soci fondatori anche: Marco Lunetta, Grazia Maria Cigna, Fabiola Rizza, Giovanna Ilardo, Emanuele Salute, Alessio Matraxia, Giuseppe Ippolito, Crocetta Contino, Antonio Di Prima e Giuseppe Salvatore.

L’idea di “Paesaggi di Mezzo” nasce in realtà già nel 2019 e da allora ha realizzato, in collaborazione con altri partners istituzionali e non, i seguenti eventi:

  • Ottobre 2019 – Mostra/Evento di 5 giorni del 2019 all’interno e nei dintorni del Complesso monumentale di Santa Maria degli Angeli;
  • 3 luglio 2020 – Percorso Storico-Religioso-Naturalistico-Culturale ”Dal vulcanesimo sedimentario delle Maccalube di Terrapelata alla Masseria Santa Barbara”;
  • 17 luglio 2020 – Percorso Paesaggistico-Sensoriale “Dall’antico Feudo del Principe Lanza di Scalea al Feudo Principi di Butera”;
  • 3 ottobre 2020 – Ciclo-Passeggiata paesaggistico-sensoriale attorno al Castello di Pietrarossa.

Il prossimo evento, denominato “Tour Profumo di Grano – dalla raccolta alla trasformazione”, si realizzerà il 25/26/27 giugno 2021 tra il Borgo Santa Rita e la c.da Marcato D’Arrigo del territorio nisseno.

Il suddetto evento vuole raccontare storie, cultura, usanze di questa filiera, in luoghi tipici dell’entroterra siciliano. Durante il weekend di giugno si alterneranno momenti legati alla valorizzazione di alcuni anelli della filiera (raccolta, molitura, trasformazione) a spazi formativi e laboratoriali, con un focus particolare sulla filiera dei grani antichi locali.

Quanto detto si realizzerà attraverso la collaborazione fattiva dell’azienda agricola di Michele Cancemi, del Molino Ferrara, dei panificatori Maurizio Spinello (Forno Santa Rita) e Salvatore Carletta (Antico Forno).

I partecipanti contribuiranno attivamente alla mietitura del grano, alla sgranatura delle spighe con l’antico sistema della trebbiatura (pesatura), con il passaggio dei muli sopra le spighe raccolte, previa preparazione dell’aia e l’allontanamento della paglia attraverso il processo della “spagliatura” coadiuvato dal vento. A ciò si assoceranno la rievocazione di antichi canti e dei momenti di convivialità.

La suddetta iniziativa, attraverso la partecipazione alla mietitura, riproposta secondo gli oramai superati canoni, vuole appunto rievocare l’atmosfera degli anni in cui questa attività rappresentava – oltretutto – una festa collettiva. Con tale evento si vuole quindi focalizzare sul rapporto tra costumi alimentari, ambiente e territorio, nonché promuovere il territorio attraverso la valorizzazione delle tradizioni.

Dopo la raccolta del grano si procederà alla molitura utilizzando mulini a pietra, ottenendo una farina integrale che verrà trasformata in pasta e pane lievitato naturalmente con l’aggiunta di pasta acida (crescente).

Commenta su Facebook