Oriana Mannella lascia il gruppo dei Centristi e rivela: “Mai appoggiato Ruvolo”

1635

Da tempo non era un mistero, adesso il passo ufficiale. La consigliera comunale Oriana Mannella lascia il gruppo dei “Centristi per la Sicilia”, partito di cui fino a qualche settimana addietro era anche presidente provinciale, e transita nel gruppo misto, all’opposizione della giunta Ruvolo. Un’opposizione (secondo quanto emerge dal comunicato), che in realtà era già nota al gruppo dirigente del partito che esprime due assessori in giunta. La consigliera comunale, eletta nel 2014 nella lista di Caltanissetta Protagonista a sostegno di Michele Giarratana, riferisce di “un patto sottoscritto con l’on. Gianluca Miccichè che non avrebbe mai avuto il mio appoggio materiale nei confronti della Giunta Ruvolo”.

“Ieri pomeriggio, superando anche l’ultima remora dopo avere subito un emblematico affronto da parte del mio oramai ex partito, ho ufficialmente formalizzato al Presidente del Consiglio il mio transito nel gruppo misto. Le motivazioni principali di questa mia decisione derivano dall’impossibilità di continuare a condividere (anche solo per transitiva appartenenza al gruppo dei Centristi) il percorso tracciato dal Sindaco Ruvolo”, scrive la Mannella.

“Il mio precedente passaggio all’UDC era venuto fuori da valutazioni di tipo personale (nei confronti della leadership della lista civica all’interno della quale ero stata eletta in Consiglio Comunale) con la consapevolezza che entravo in un partito di cui riconoscevo i valori moderati e cristiani ma anche con il patto sottoscritto con l’on. Gianluca Miccichè che non avrebbe mai avuto il mio appoggio materiale nei confronti della Giunta Ruvolo. E così è stato anche se nel tempo ho capito che questa mia radicale presa di posizione ha creato un sempre più malcelato malcontento nella nuova classe dirigente che si è affrancata all’interno del movimento dei Centristi in cui mi sono ritrovata a transitare dopo la catastrofica (a mio modo di vedere) per la base scissione dall’UDC”.

“Nell’ultimo anno – prosegue – ho potuto solo prendere atto dell’immutata variazione di velocità della gestione amministrativa della città sui grandi e piccoli problemi che attanagliano la nostra comunità con il comportamento del Sindaco Ruvolo che è rimasto immutato, affrancato com’è ai suoi convincimenti e alle sue ancore politiche che lo rendono impermeabile a qualsiasi tipo di sollecitazione che va oltre il suo Io”.

La decisione di “ritornare ad avere le mani e la mente libere da condizionamenti, anche solo indirettamente derivati dagli amici Assessori del gruppo dei Centristi” serve anche a lasciare “i consiglieri e i dirigenti della mia ex casa politica liberi dagli imbarazzi derivati dal dovere sempre giustificare per loro tornaconto il mio, invero mai nascosto, mal di pancia nei confronti del sindaco”.

La consigliera comunale ringrazia assessori, consiglieri e dirigenti dei Centristi e “soprattutto l’on. Miccichè per avermi accolto con benevolenza (anche se sinceramente ritengo che per lui alla lunga sono stata più un problema che un valore aggiunto) augurandogli il meglio possibile per il prosieguo della sua carriera in vista degli imminenti appuntamenti elettorali”.

Commenta su Facebook