Organici della magistratura e giudici di pace. Avvocati di nuovo in sciopero nel distretto nisseno

428

Riggi IaconaSoltanto 20 giorni addietro era stato a Caltanissetta, assicurando un interessamento sulla situazione di disagio creatasi, il vicepresidente del CSM, Michele Vietti. Ma gli avvocati nisseni sono nuovamente in sciopero, dopo la lunga astensione di novembre durata nove giorni. Gli avvocati del foro nisseno hanno incrociato le braccia martedì mattina e si asterranno dalle udienze fino al 18 dicembre perchè, dicono, l’allarme sull’organico è rimasto inascoltato.

Saltano le udienze civili, penali, amministrative e tributarie, con la conseguenza che chi  attendeva da un anno l’udienza, dovrà aspettare un altro anno, solo per fare una semplice udienza, come accaduto in diverse cause civili o del lavoro rinviate nei giorni della protesta di novembre. Saranno celebrati solo i processi  in cui ci saranno imputati detenuti e su richiesta degli stessi.

Carenze di organico dei magistrati ed eccessivo ricorso ai giudici onorari, i motivi della protesta. A Caltanissetta su 33 giudici ne sono stati trasferiti 13 e non sono stati rimpiazzati. Tornando alla visita del vice del CSM, Vietti, a Caltanissetta, intervenuto alla Camera di commercio per presentare il suo volume sulla giustizia, “Facciamo giustizia”,  intervistato da CL1 Notizie, assicurò un tempestivo intervento sulla problematica.

Uno dei motivi dello sciopero è l’utilizzo della magistratura onoraria che secondo il presidente dell’ordine degli avvocati, Giuseppe Iacona, è “nata con un ruolo di supplenza, ma potrebbe diventare una regola ordinaria nell’amministrazione dei processi e questo non è giusto e riteniamo che vada corretto”. In pratica, alla luce delle carenze oggettive in organico, visto che i magistrati trasferiti non sono stati rimpiazzati e anche nel caso in cui siano stati nominati non entreranno in servizio prima di aprile, per gli avvocati in sciopero si farebbe eccessivo ricorso ai giudici di pace. “Ma si tratta di colleghi – spiega un avvocato del Foro nisseno – che non hanno passato  le difficilissime selezioni per diventare magistrato e infatti dovrebbero essere applicati per cause non complesse, cosa che invece non accade”.

 

 

Commenta su Facebook